ID:

Musei in Europa negli anni tra le due guerre. La Conferenza di Madrid del 1934: un dibattito internazionale

Convegno internazionale di studi
Torino 26-27 febbraio 2018

Lunedì 26 febbraio h. 9.00
Università degli Studi di Torino
Aula Magna del Rettorato

Martedì 27 febbraio h. 9.00
Politecnico di Torino
Salone d’Onore Castello del Valentino

Il convegno è promosso da
Università degli Studi di Torino
Dipartimento di Studi Storici
Politecnico di Torino
Dipartimento Architettura & Design

A cura di
Elena Dellapiana
Maria Beatrice Failla
Franca Varallo

Comitato scientifico
Giampiero Bosoni, Maria Ida Catalano, Silvia Cecchini, Paola D’Alconzo, Michela di Macco, Patrizia Dragoni, Anna Maria Ducci, Antonella Gioli, Valeria Meirano, Susanne Meyer, José Luis De la Nuez Santana, Almudena Perez de Tudela, Cecilia Pennacini, Chiara Piva, Dominique Poulot, Federica Rovati, Maurizio Vivarelli, Francesca Zanella, Stefania Zuliani

Segreteria organizzativa
Irene Calvi
Pietro Rubino

PROGRAMMA

Download (PDF, 1.18MB)

per info: convegnomuseographie@gmail.com

Questo articolo è stato pubblicato in Convegno, news

Chiara Lecce

Chiara Lecce, dopo la laurea magistrale in Design degli interni nel 2008 ha proseguito il suo percorso presso il Politecnico di Milano con il dottorato di ricerca in Architettura degli interni e allestimento concluso nel 2013 con la tesi Living Interiors in the Digital Age: the Smart Home. Dal 2008 svolge didattica per i corsi di Storia del design e Progettazione di interni della Scuola del Design del Politecnico di Milano. Dal 2013 è executive editor di “PAD Journal” e membro di redazione della rivista “AIS/Design Storia e Ricerche”, oltre che autore per diverse riviste scientifiche del settore. Attualmente è assegnista di ricerca e docente a contratto presso il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano e si occupa di Storia e metodologie dell’exhibit design. Dal 2016 è tutor all’interno del progetto europeo H2020 “Design for Enterprises”. Dal 2009 collabora con la Fondazione Franco Albini e con altri importanti archivi del design italiani, oltre a svolgere la professione di interior designer freelance.

I commenti sono chiusi.