ID:

GIOVANNI PINTORI E LO STILE OLIVETTI

LUNEDÌ 16 NOVEMBRE
ORE 17.30
Fondazione Isec, Villa Mylius
Largo Lamarmora, 17
Sesto San Giovanni (MI)
M1 fermata Sesto Rondò

Fondazione Isec è lieta di invitarvi alla presentazione dei volumi di
Massimiliano Musina, Giovanni Pintori, la severa tensione tra riserbo ed
estro (Bologna, Fausto Lupetti editore, 2013) e di Marta Sironi, Giovanni
Pintori (Moleskine, 2015).
L’uscita dei due libri è l’occasione per tornare a riflettere sul senso e
l’eccezionalità dell’esperienza olivettiana per la storia della grafica e
della comunicazione di impresa. Giovanni Pintori (1912-1999), per molti
anni responsabile dell’Ufficio pubblicità dell’Olivetti, ha affiancato
all’attività professionale anche quella di pittore.

Intervengono
Oltre agli autori Massimiliano Musina e Marta Sironi
partecipano alla discussione
Giuseppe Lupo Università Cattolica di Milano
Carlo Vinti Scuola di Architettura e Design dell’Università di Camerino

Coordina
Giorgio Bigatti Fondazione Isec

Ingresso libero

Download (PDF, 312KB)

Questo articolo è stato pubblicato in news

Chiara Lecce

Chiara Lecce, dopo la laurea magistrale in Design degli interni nel 2008 ha proseguito il suo percorso presso il Politecnico di Milano con il dottorato di ricerca in Architettura degli interni e allestimento concluso nel 2013 con la tesi Living Interiors in the Digital Age: the Smart Home. Dal 2008 svolge didattica per i corsi di Storia del design e Progettazione di interni della Scuola del Design del Politecnico di Milano. Dal 2013 è executive editor di “PAD Journal” e membro di redazione della rivista “AIS/Design Storia e Ricerche”, oltre che autore per diverse riviste scientifiche del settore. Attualmente è assegnista di ricerca e docente a contratto presso il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano e si occupa di Storia e metodologie dell’exhibit design. Dal 2016 è tutor all’interno del progetto europeo H2020 “Design for Enterprises”. Dal 2009 collabora con la Fondazione Franco Albini e con altri importanti archivi del design italiani, oltre a svolgere la professione di interior designer freelance.

I commenti sono chiusi.