ID:

FutureDesignEd Symposium

FutureDesignEd Symposium
Innovation in Design Education
Innovation in Education by Design

30 September 2017
Opificio Golinelli, Bologna
University of Bologna
Design Programmes

Il primo simposio internazionale promosso dal Corso di Laurea in Design del Prodotto Industriale e dal Corso di Laurea Magistrale in Advanced Design dell’Università di Bologna, dedicato a come sta cambiando la formazione al design e a come il design sta cambiando i modi di fare formazione.

—FutureDesignEd
– è un simposio internazionale che avrà luogo il 30 settembre 2017 presso l’Opificio Golinelli di Bologna, durante la Bologna Design Week 2017. Una giornata di studio che vuole esporre gli esiti di una ricerca in corso e dare voce, attraverso le testimonianze dirette di protagonisti da tutto il mondo, alle strategie e alle motivazioni dietro le eccellenze dell’innovazione nei curriculum didattici delle università di design, ma anche di realtà formative alternative basate su strumenti e approcci propri delle culture del design. Sono tra i relatori Sandra Kemp (Victoria and Albert Museum, Imperial College London), Sune Stassen (Open Design Festival Capetown), Alessandro Tartaglia e Lucilla Fiorentino (La Scuola Open Source Bari) e Lawrence Zeegen (Ravensbourne London).
Le presentazioni saranno principalmente in inglese, senza traduzioni.
La partecipazione è gratuita, previa registrazione;

– è un sistema di rilevazione e ricerca continua che coinvolge oltre 100 osservatori
ed esperti internazionali, impegnati nella segnalazione di esperienze che riguardano i
processi formativi trainati dal design;

– è una piattaforma social per promuovere il simposio e la ricerca, ma anche per
informare e far partecipare studenti, cittadini, educatori, professori, ricercatori,
professionisti, imprese e tutti gli attori interessati ai processi e alle trasformazioni
formative nei quali il design è interpretato come fattore d’innovazione.

—Alcuni degli Oltre 100 Osservatori Internazionali
Jimena Alarcon Grupo de Investigación en Diseño en Universidad del Bío-Bío, Cile; Fátima Aparecida dos Santos Universidade de Brasília, Brasile; Audrey Bennett Rensselaer Polytechnic Institute, USA; Audra Buck-Coleman University of Maryland, USA; Bernard J Canniffe Iowa State University, USA; Halim Choueiry HBR Creative Platform, Libano; Gillian Crampton Smith H-Campus, Italia; Liz Danzico School of Visual Arts, USA; Carmelo Di Bartolo, Italia; Hugh Dubberly Dubberly Design Office, USA; Roberto Iñiguez Flores Escuela de Arquitectura, Arte y Diseño – Tecnológico de Monterrey, Messico; Carlo Franzato Escola da Indústria Criativa, Unisinos, Brasile; Peter Hall Central Saint Martins, University of the Arts London, GB; Cheryl Heller School of Visual Arts, USA; Debera Johnson Pratt, USA; Russell Kennedy Deakin University, Australia; Jacques Lange University of Pretoria, Sud Africa; Patricia Hernández Navarro Universidad Iberoamericana, Messico; Jackie Malcolm Duncan of Jordanstone College of Art & Design, University of Dundee, GB; David Malouf Savannah College of Art and Design, USA; Ezio Manzini Politecnico di Milano, Italia; Pedro Medina IED Madrid, Centro Superior de Diseño, Spagna; Geremy Mende California College of the Arts, USA; Stefano Mirti Design 101 MOOC, Italia; Dijon Moraes Junior Universidade do Estado de Minas Gerais, Brasile; Kali Nikitas Otis College of Art and Design, USA; Monica Parrinder Royal College of Art, GB; Odoch Pido Technical University of Kenya, Kenya; Sharon Poggenpohl Design Editor, USA; Gary Pritchard Ravensbourne, GB; Lynda Relph-Knight Design Writer, GB; Elisabeth Resnick Massachusetts College of Art and Design, USA; Stefan Sagmeister School of Visual Arts, USA; Alexandra Sankova Moscow Design Museum, Russia; Massimo Santanicchia Iceland Academy of the Arts, Islanda; Andreas Sicklinger German University in Cairo, Egitto; John Thackara Doors of Perception, GB; Min Wang China Central Academy of Fine Arts, Cina; Lawrence Zeegen Ravensbourne, GB

—I Curatori
Flaviano Celaschi, Elena Formia, Omar Vulpinari

—Gli Organizzatori
Corso di Laurea in Design del Prodotto Industriale e Corso di Laurea Magistrale
in Advanced Design dell’Università di Bologna, Advanced Design Network – Unibo Center

—In Collaborazione con
Fondazione Golinelli, Bologna Design Week

—Con il Patrocinio di
Università di Bologna – Dipartimento di Architettura

—Sito Web
https://events.unibo.it/futuredesigned-2017

—Programma
https://events.unibo.it/futuredesigned-2017/program

—Registrazione
https://events.unibo.it/futuredesigned-2017/info-reservation

—Social Media
https://www.facebook.com/FutureDesignEd/

—Contatti
Elena Formia, FutureDesignEd co-curator
elena.formia@unibo.it

BOLOGNA –  OPIFICIO GOLINELLI

Download (PDF, 62KB)

Questo articolo è stato pubblicato in Convegno, news

Chiara Lecce

Chiara Lecce, PhD, dopo il conseguimento della laurea magistrale in Design degli interni presso il Politecnico di Milano nel 2008, ha iniziato a collaborare con Giampiero Bosoni per i corsi di Storia del design e dell’architettura e per i Laboratori di progettazione di interni della Scuola del Design del Politecnico di Milano, insieme agli architetti Migliore & Servetto. Dal 2008 inoltre svolge attività di ricerca con la Fondazione Franco Albini partecipando a varie pubblicazioni. Nel 2010 inizia il Dottorato in architettura degli interni e allestimento presso il Politecnico di Milano, durante il quale collabora a diverse pubblicazioni e svolge attività di ricerca presso il CCA (Canadian Centre for Architecture) durante la stesura della tesi finale conseguita nel 2013 dal titolo Living Interiors in the Digital Age: the Smart Home. Dal 2013 è executive editor dell’e-journal PAD (Pages on Arts and Design) e scrive su testate di design on-line. Dal 2014 fa parte del gruppo di ricerca MADEC (Material Design Research Center) del Dipartimento di Design del Politecnico di Milano. Attualmente è docente a contratto presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano e prosegue l’attività di designer come libera professionista. Dal 2012 è membro di AIS/Design (Associazione Italiana Storici del Design) e dal 2015 è socio ADI.

I commenti sono chiusi.