ID:

Progettazione e cultura del design: dal design degli architetti al design specializzato

This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

compasso-d-oro

Martedì 27 maggio, ore 18.00
via Bergognone 34, Milano

Incontro promosso dall’Associazione Italiana degli Storici del Design AIS/Design e DESIGN È – XXIII Compasso d’Oro ADI

Se nel Novecento i designer erano in buona parte architetti e la cultura progettuale era vista come unitaria, che ne è stato di quel modello di fronte ai cambiamenti profondi dell’odierno contesto produttivo, sociale e culturale? Quale l’apporto delle discipline storiche e teoriche nella costruzione della professione? E quale il ruolo delle associazioni professionali e della formazione universitaria?

La conversazione prende spunto dal recente volume Il design degli architetti italiani. 1920-2000, a cura di Fiorella Bulegato ed Elena Dellapiana, dedicato al cambiamento della figura professionale e della formazione del designer. L’incontro fa parte di un ciclo di iniziative “DESIGN È – XXIII Compasso d’Oro ADI” che accompagnano la mostra del Compasso d’Oro negli spazi dell’ex Ansaldo a Milano.

Intervengono Daniele Baroni, Politecnico di Milano; Alberto Bassi, Università IUAV di Venezia;Giampiero Bosoni, Politecnico di Milano; Raimonda Riccini, Università IUAV di Venezia; Fiorella Bulegato, Università degli Studi della Repubblica di San Marino, Elena Dellapiana, Politecnico di Torino.

Maggiori informazioni a questo link.

Questo articolo è stato pubblicato in news

Chiara Mari

Chiara Mari, PhD in History of Contemporary Art, since 2009 is engaged in research and teaching at the Catholic University of Milan and Brescia. Thanks to a postdoctoral fellowship, she is currently working on a research project at the Fondazione Giorgio Cini in Venice. Her contributions to historical-critical studies investigate aspects of Italian art of the 19th and 20th centuries. She has focused in particular on Milanese caricatures of the second half of the nineteenth century, on the critical debates on monumental sculpture (1920s-1940s), on artistic research between the Sixties and the Seventies and on the dialogue between the visual arts and television.

Comments are closed.