ID:

Mostre | Luca Meda. La felicità del progetto

This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Triennale di Milano. 8 Maggio – 8 Giugno 2014

Schermata 06-2456813 alle 10.58.46

La mostra Luca Meda. La felicità del progetto, a cura di Nicola Braghieri, Rosa Chiesa, Serena Maffioletti e Sofia Meda, nasce dal lavoro di riordino dell’archivio Meda oggi custodito presso l’Archivio Progetti Iuav. Essa si sostanzia dunque di una ricchissima quantità di documenti e disegni, tale da testimoniare l’ampiezza tematica e figurativa dell’autore che, come riportato dai curatori, “ha coniugato architettura e design in un ininterrotto e giocoso impeto creativo: la mostra, ampiamente costituita da schizzi di studio, racconta soprattutto l’ideazione delle opere, da cui traspare quello sguardo vitale che Luca Meda rivolge allo spazio abitato ancor più avvincente per il modo in cui esso è animato, da donne soprattutto, rotonde e festose, da uomini, animali, giullari […] mentre la mano veloce appunta inarrestabile”. La mostra offre una diversa consistenza dell’autore “tra persone, oggetti, forme”, ne traspare una figura complessa, non raccontabile solo attraverso i più consueti approcci tematici o cronologici.

Maggiori informazioni a questo link.

Questo articolo è stato pubblicato in news

Chiara Mari

Chiara Mari, PhD in History of Contemporary Art, since 2009 is engaged in research and teaching at the Catholic University of Milan and Brescia. Thanks to a postdoctoral fellowship, she is currently working on a research project at the Fondazione Giorgio Cini in Venice. Her contributions to historical-critical studies investigate aspects of Italian art of the 19th and 20th centuries. She has focused in particular on Milanese caricatures of the second half of the nineteenth century, on the critical debates on monumental sculpture (1920s-1940s), on artistic research between the Sixties and the Seventies and on the dialogue between the visual arts and television.

Comments are closed.