ID:

Olivetti Identities: Spaces and Languages (1933-1983) International Symposium

This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

 

Il convegno, promosso dall’Università degli Studi di Ferrara, da ECAL/Ecole cantonale d’art de Lausanne e dall’Università Iuav di Venezia, ha lo scopo di ripercorrere il fenomeno Olivetti nel suo insieme, cogliendone i tratti caratterizzanti in rapporto alla storia imprenditoriale e alla pluralità di approcci creativi derivanti dal contributo di progettisti – sia interni che esterni alla struttura aziendale – come Xanti Schawinsky, Correa y Milà, Ettore Sottsass, Hans Von Klier, Franco Albini, Egidio Bonfante, Giovanni Anceschi, Walter Ballmer, Tomás Maldonado, King & Miranda, Carlo Scarpa.

Il convegno coinvolge con approccio interdisciplinare studiose e studiosi impegnati in ricerche nuove e recenti sull’arco temporale che va dal 1933 – anno di fondazione dell’ufficio pubblicità Olivetti – al 1983, anno di inaugurazione del padiglione permanente Olivetti alla fiera di Hannover, scelto come momento conclusivo di un impegno espressivo e di una strategia identitaria, peculiare e particolarmente efficace. Il convegno si concentra sugli spazi (negozi, allestimenti commerciali e mostre) e sui linguaggi (la comunicazione visiva, il design dell’interazione, le attività formative, culturali e commerciali).

programma / program
Giovedì 12 dicembre 2019, 10:00-18:00
Università degli Studi di Ferrara
Dipartimento di Architettura

Venerdì 13 dicembre 2019, 10:00-17:00
Università Iuav di Venezia
Ca’ Badoer, aula Manfredo Tafuri
San Polo 2468, Venezia

Sabato 14 dicembre 2019, 10:00-17:00
Fondazione Innovazione Urbana
Cappella Farnese, Palazzo D’Accursio
Piazza Maggiore 6, Bologna

responsabili scientifici / convenors
Davide Fornari
Davide Turrini

comitato scientifico / scientific committee
Paolo Bolpagni
Graziella Leyla Ciagà
Beniamino de’ Liguori Carino
Davide Fornari
Raimonda Riccini
Dario Scodeller
Caterina Toschi
Marcella Turchetti
Davide Turrini
Carlo Vinti
Stefano Zagnoni

segreteria scientifica/scientific
Daniela Smalzi

promosso da / promoted by
Università degli Studi di Ferrara
ECAL/Ecole cantonale d’art de Lausanne
Università Iuav di Venezia

in collaborazione con / in collaboration with
Associazione Archivio Storico Olivetti
Fondazione Innovazione Urbana
Ordine Pianificatori Paesaggisti Conservatori di Ferrara
Fondazione degli Architetti di Ferrara
Olivettiana
Fondazione Centro Studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti

con il patrocinio di / under the patronage of
AIS/Design
FAI Negozio Olivetti
Fondazione Adriano Olivetti
Olivetti


download

Download (PDF, 658KB)

Questo articolo è stato pubblicato in Convegno, news, patrocinato

Chiara Lecce

Chiara Lecce received her MA in Interior Design (2008) and her PhD in Interior Architecture & Exhibition Design (2013; with the thesis: “Living Interiors in the Digital Age: the Smart Home”) from the Politecnico di Milano. Since 2008 she has been engaged in teaching activities, in History of Design classes and Interior Design studio, at the Design School of the Politecnico di Milano, collaborating with professors Giampiero Bosoni and Ico Migliore. Since 2013 she has been managing editor of the scientific journal PAD (Pages on Arts and Design) and member of AIS/Design (Italian Association of Design Historians). She is the author of several articles featured in various design journals. She is currently research fellow and lecturer at the Design Department of the Politecnico di Milano, with a focus on exhibition design history and methodologies. In 2016 she was a tutor within the H2020 European project “Design for Enterprises”. Since 2009 she has been collaborating with the Franco Albini Foundation and with other Italian design archives, while continuing to work as a freelance interior designer.

Comments are closed.