ID:

Design e Immaginario: Oggetti, immagini e visioni fra rappresentazione e progetto

This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

20161115_135958

È uscito Design e Immaginario. Oggetti, immagini e visioni fra rappresentazione e progetto a cura di Paola Proverbio e Raimonda Riccini (Università Iuav di Venezia – il Poligrafo, 2016).

Gli oggetti sono strutture immaginarie. Lo sono soltanto perché producono significati e simboli e culturali, aprendo mondo impensati, ma anche perché l’immaginario è insito nella formulazione e nella progettazione di nuovi oggetti. Si potrebbe dire che l’immaginario è un produttore di oggetti, tanto quanto gli oggetti sono produttori di immaginario.
E in questa circolarità il design ha fissato un punto storicamente essenziale facendo, di questa circolarità, la sua caratteristica peculiare, il suo connotato saliente: dar forma agli artefatti e, attraverso la forma, dar vita a immaginari. Grazie alle voci di autori di diverse discipline, il volume analizza il ruolo che il oggetti hanno nella costruzione sociale dell’immaginario, con contributi provenienti da ambiti produttori di potenti immaginari, come il cinema, la letteratura, la fotografia, l’editoria, l’arte. Ma si interroga anche su come si forma l’immaginario nel mondo della progettazione, scandagliando le dinamiche che governano l’iter immaginativo: da un lato ricostruisce gli elementi fondanti e la storia di questo processo, dall’altro documenta le sue innumerevoli sfaccettature nei percorsi progettuali dei designer stessi.

Il volume nasce in seno all’attività seminariale del Dottorato in Scienze del design dell’Università Iuav di Venezia nella primavera del 2013, sotto il coordinamento scientifico di Raimonda Riccini.

Questo articolo è stato pubblicato in news, Pubblicazione

Maddalena Dalla Mura

Maddalena Dalla Mura (Udine, Italy, 1974) carries out research in the fields of design and graphic design history and museum studies. With an MA in Preservation of Cultural Heritage (2000), in 2010 she received her PhD in Design Sciences from the Università Iuav di Venezia. She has since collaborated with the Design and Museology research group at the same university. From 2012 to 2015 she collaborated on several research projects at the Faculty of Design and Art of the Free University of Bozen-Bolzano, where she has also taught Languages and Theories of Visual Communication. Since 2016/2017 she teaches Design history at the Università degli studi di Ferrara. She is associate editor of the design history journal AIS/Design: Storia e Ricerche. / www.maddamura.eu

Comments are closed.