News

  • 26 May 2017
  • 26 May 2017

    Conversazioni su Franco Albini

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Tavola rotonda “Conversazioni su Franco Albini” La mattinata di Martedì 30 Maggio sarà dedicata ad una tavola rotonda presso l’Aula Gamma del Politecnico di Milano (Sede Leonardo) in Via Ampère 2, nella quale saranno affrontati argomenti quali il Metodo e l’Opera di Franco Albini. Alle 9.30 la mattinata si aprirà con una breve introduzione da parte di esponenti della Facoltà: Federico Bucci, Marco Biraghi e Francesco Zurlo, e dei curatori della mostra “La Sostanza della Forma. Franco Albini Architetto” Marco Albini e Giampiero Bosoni. A seguire si aprirà il dibattito sulla figura di Franco Albini nel quale prenderanno parola alcuni tra i maggiori esperti e conoscitori dell'opera del celebre Architetto: Carlo Bertelli, Carlo Olmo, Beppe Finessi, Mauro Galantino ed Enrico Pinna. Nel ruolo di moderatore, il Vice Preside della Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni, Marco Biraghi. Nell’arco della mattinata verrà affrontato e divulgato il metodo progettuale di Franco Albini e verranno ricordati i valori del Maestro del Razionalismo italiano. Alle ore 12.30 si concluderà la tavola rotonda. Ringraziamo il Politecnico di Milano Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzion e Scuola del Design. Per ricevere ulteriori informazioni: info@fondazionefrancoalbini.com o 02 48194688.
  • 5 May 2017
  • 5 May 2017

    CALL FOR PAPERS 3rd MOMOWO CONFERENCE-WORKSHOP

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    CALL FOR PAPERS 3rd MOMOWO CONFERENCE-WORKSHOP 2nd- 4th October 2017 Historical Building, University of Oviedo, Spain For its third conference-workshop to be held in Oviedo, Spain, between 2nd and 4th October 2017, the project Women’s Creativity since the Modern Movement - MoMoWo welcomes papers addressing themes and subjects on the activities and lives of women designers, architects and civil engineers between 1969 and 1989. The conference-workshop will provide an opportunity to discuss the professional experiences of European women active within various fields of design. The workshop is addressed to both, scholars and students. In most European countries, the period between 1969 and 1989 was influenced by the Cold War and the disintegration of the Communist Bloc. This period also witnessed the consolidation of the European Union -with new countries joining the EU-, and the Independence processes of several former colonies. The events of May 1968 triggered a new social awareness in the continent, which was now committed towards social and ecological issues. In the field of architecture, post-modern tendencies started to flourish. We propose to explore the following topics as a starting point for future research:
    1. POLITICS, POLICIES AND POLITICAL REGIMES
    What was the position of women architects and designers in different political regimes and how did it compare? How was it incorporated into state policies? Did any particular “female specializations” within the fields of architecture, design, urban planning, civil engineering etc. emerge in this period? If so, what were their characteristics and how were they encouraged? What role did they play in conservation and restoration of architectural heritage? (How) did they negotiate with the gender bias in their profession? Were there links with non-European countries (e.g. the United States, former colonies)?
    1. RESEARCH AND INDUSTRIES
    What was the role of women in developing social housing projects, how were they involved in research and studies of interior design according to human scale? What position did they take in the developing field of industrial design? Papers on civil engineering, exploring women's involvement in creation of new construction techniques and development of materials will also be most welcomed.
    1. EXHIBITIONS AND COMPETITIONS
    What was the role in competitions and the main exhibitions during those years? Were they members of the jury? Did they achieve awards or a sort of recognitions? What was the media repercussion of their participation in those events?
    1. EDUCATION AND PUBLISHING
    What access did female students have to schools of architecture, design and building engineering? Did they experience any obstacles? How were women professionals included in the education process and how were they represented in the academia? What are the characteristics of their affiliation with professional architectural publications (journals, magazines) either as contributors or members of editorial boards? Presentations should be delivered in English and not exceed 20 minutes. Peer-reviewed articles based on conference-workshop presentations will be published as an edited open access e-book (in Spring 2018), which will include recorded presentations and discussions. SUBMISSION DEADLINES: Deadline for submission of abstracts (in English, 300 words max.): 30th May 2017. Deadline for submission of articles (in English, 5000 words max.): 15th September 2016. Please send your proposals and contact details on the submission form provided (also available from http://www.momowo.eu/activities/historicalworkshops/) to: artscrafts@uniovi.es The 2017 conference-workshop will be the third of three historical workshops. The first, focusing on women's creativity between 1918-1945 was held in Leiden (23rd -25th September 2015) and the second conference-workshop covering the period 1946-1969 was held in Ljubljana (3rd-5th October 2016). MoMoWo, Women’s Creativity since the Modern Movement is an EU cooperative research project under the Creative Europe Culture Sub-Programme. Participating partners come from six European universities: Politecnico Torino, Turin, Italy; Universite Grenoble Alpes, Grenoble, France; VU University, Leiden, The Netherlands; lADE-U-Creative University, Lisbon, Portugal; Znanstvenoraziskovalni center Slovenske akademije znanosti in umetnosti, Ljubljana, Slovenia; Universidad de Oviedo, Oviedo, Spain. MoMoWo deals with the cultural, societal and economic importance of women's achievements in the traditionally male fields of architecture, interior and industrial design, landscaping and urbanism. The aim of MoMoWo is to present an important part of the »anonymous« European 20th century cultural heritage created by women, who were active in these disciplines. The project will also support, promote and adequately asses the achievements of the contemporary generation of female creators and help pave the way for future generations of women in the creative fields. For further information on the project visit www.momowo.eu. [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2017/05/MoMoWo_Call-for-Paper_3rd-Intern-Conf.pdf"]
  • 12 Apr 2017
  • 12 April 2017

    Grafica e

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    04. 2017 – 30. 06. 2017 lunedì – venerdì h  9. 30 –  17. 00 Spazio Mostre Archivi Storici Politecnico di Milano Campus Bovisa – Ed. B1 via Candiani, 72 – Milano 0001 La mostra, organizzata da Archivi Storici del Politecnico di Milano, ripercorre uno straordinario progetto grafico ed editoriale nato all’interno del Bauhaus e curato da Walter Gropius e Lazlo Moholy-Nagy. Nel 1925 mentre la celebre scuola di architettura e arti applicate si trasferisce da Weimar, dove era nata, a Dessau, iniziano infatti a uscire i Bauhausbücher, una innovativa collana definita dagli stessi curatori “una serie di libri esempio dell’integrazione di problemi culturali”: libri oggetto e insieme libri didattici, ideati da docenti della scuola quali Gropius, Kandinskij, Klee, Moholy-Nagy e Schlemmer e da artisti e progettisti d’avanguardia come Malevic, Oud, Van Doesburg. Dieci dei quattordici volumi della serie, che si conclude nel ’30 quando il Bauhaus è ormai a Berlino e la chiusura della scuola imminente, sono conservati nella biblioteca storica di Albe e Lica Steiner, ora presso gli Archivi Storici del Politecnico di Milano, e costituiscono il luogo centrale della mostra. Acquistati dal grande grafico milanese alla libreria Salto – che fu insieme galleria di importanti esposizioni d’arte e casa editrice – furono per lui oggetto affascinante di studio della cultura delle avanguardie europee, ancora mal conosciute nell’Italia di allora, e fonte non secondaria di ispirazione nel suo lavoro. Volumi significativi per contenuto e forma, in cui la tipografia e la fotografia diventano elementi centrali di comunicazione, i Bauhausbücher segnano una svolta nel mondo della progettazione grafica che verrà in seguito profondamente meditata e riconsiderata da personalità del valore di Paul Renner e Jan Tschichold. Volumi contenitori di fonti visive tipo-foto-grafiche essi diventeranno, e questo pure la mostra intende documentare, punto di riferimento dalla più aggiornata cultura grafica italiana degli anni trenta e quaranta, in special modo quella delle riviste di architettura che ne riecheggiano gli stilemi grafici e ne riusano significativi elementi. [caption id="attachment_6997" align="alignleft" width="600"]Milano, 3 aprile 2017 Inaugurazione della mostra: "Grafica e avanguardie. I Bauhausbücher" in programma dal 3 aprile al 30 giugno 2017 presso gli archivi del Politecnico di Milano. foto e © di Matteo Bergamini/Lab Immagine (progettazione, produzione e gestione di prodotti comunicativi) Dipartimento di DESIGN, Politecnico di Milano – 02-2399.7805/06 - labimmagine-design@polimi.it Inaugurazione della mostra: "Grafica e avanguardie. I Bauhausbücher" in programma dal 3 aprile al 30 giugno 2017 presso gli archivi del Politecnico di Milano.
    foto e © di Matteo Bergamini/Lab Immagine (progettazione, produzione e gestione di prodotti comunicativi) Dipartimento di DESIGN, Politecnico di Milano.[/caption] [caption id="attachment_6998" align="alignleft" width="600"]Milano, 3 aprile 2017 Inaugurazione della mostra: "Grafica e avanguardie. I Bauhausbücher" in programma dal 3 aprile al 30 giugno 2017 presso gli archivi del Politecnico di Milano. foto e © di Matteo Bergamini/Lab Immagine (progettazione, produzione e gestione di prodotti comunicativi) Dipartimento di DESIGN, Politecnico di Milano – 02-2399.7805/06 - labimmagine-design@polimi.it Inaugurazione della mostra: "Grafica e avanguardie. I Bauhausbücher" in programma dal 3 aprile al 30 giugno 2017 presso gli archivi del Politecnico di Milano.
    foto e © di Matteo Bergamini/Lab Immagine (progettazione, produzione e gestione di prodotti comunicativi) Dipartimento di DESIGN, Politecnico di Milano.[/caption] --------- mostra a cura di Luciana Gunetti Mario Piazza Marco Vitale progetto grafico Francesco E. Guida progetto di allestimento sala espositiva Lola Ottolini realizzazione dell’allestimento Laboratorio Allestimenti “Paolo Padova” Politecnico di Milano, Dipartimento di Design video Laboratorio Immagine Politecnico di Milano, Dipartimento di Design Stampe Grafiche Mainardi Produzione Cristian Borrello Cristina Mandelli Archivi Storici – Politecnico di Milano Area Servizi Bibliotecari di Ateneo [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2017/04/COMUNICATO-STAMPA.pdf"]
  • 12 Mar 2017
  • 12 March 2017

    Mauro Masera. Fotografo del design italiano

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    MAURO MASERA FOTOGRAFO DEL DESIGN ITALIANO  (1957-1992) ___ mostra a cura di  Alberto Bassi e Carlo Masera Università Iuav di Venezia Tolentini, Aula Magna Santa Croce 191, Venezia 20 marzo - 19 maggio 2017 inaugurazione 20 marzo 2017, ore 17.00 intervengono  Alberto Ferlenga, rettore Alberto Bassi e Carlo Masera, curatori apertura 21 marzo - 19 maggio 2017 Tolentini, aula Magna orario lunedì > venerdì 10.30 > 17.30 chiuso sabato, festivi, 24-25 aprile e 1 maggio ingresso libero masera_ima_email Mauro Masera è fra i maggiori fotografi del design italiano. Nato e vissuto a Milano, si è formato nell’ambito della fotografia industriale ed è entrato presto in contatto con importanti grafici – da Erberto Carboni a Pino Tovaglia a Michele Provinciali – con i quali collabora assiduamente e attraverso i quali conosce architetti e designer, oltre che le più importanti aziende italiane, avviando rapporti destinati a durare nel tempo. Fra queste vanno ricordate Gavina, Kartell, Arflex, Cassina, Zanotta, Tecno, Alessi e Fontana Arte. Numerose sono anche le collaborazioni con le riviste di design e arredamento, come Abitare o Ottagono. Nella fase storica del design, che ha inizio negli anni Cinquanta e prosegue nei decenni successivi, l’attività di Mauro Masera si affianca dunque a quella di altri protagonisti della fotografia (ad esempio Aldo e Marirosa Ballo, Giorgio Casali, Serge Libis, Oliviero Toscani e altri). Il suo lavoro si caratterizza per alcuni aspetti specifici, come l’attenzione ai caratteri, agli elementi compositivi e di dettaglio degli oggetti, anche come esito della sua formazione nell’ambito della fotografia industriale. Altri fattori che lo individuano sono l’attitudine a organizzare lo spazio fotografico, facendo dialogare e interagire prodotti e figure umane, in una modalità che assieme è caratteristica di un momento storico, ma anche sottolinea un interesse verso la dimensione e gli aspetti della vita quotidiana. In occasione dell’acquisizione da parte dell’Archivio Progetti dell’Università Iuav di Venezia dell’archivio professionale di Mauro Masera è stata predisposta una prima ricognizione della sua attività, nonché del ricco patrimonio fotografico e documentale.   [caption id="attachment_6988" align="aligncenter" width="456"]8031 LOW Dino Gavina, Achille e Pier Giacomo Castiglioni e Michele Provinciali fotografati accanto alla poltrona Sanluca sotto il portico di San Luca a Bologna, 1960. © Mauro Masera. Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti.[/caption] [caption id="attachment_6989" align="aligncenter" width="600"]Sedia Superleggera di Gio Ponti per Cassina a Positano, 1961. © Mauro Masera. Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti Sedia Superleggera di Gio Ponti per Cassina a Positano, 1961. © Mauro Masera. Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti[/caption] Con l’intenzione di fornire una lettura ampia del lavoro fotografico, che metta cioè in relazione committenza industriale e progettisti nell’ambito del prodotto ma soprattutto della progettazione visiva, la mostra è strutturata in otto sezioni che ricostruiscono vari momenti della attività professionale di Mauro Masera, evidenziando di volta in volta il rapporto con grafici, con imprenditori, con editori, con esponenti della cultura del progetto o altri fotografi. Alle immagini fotografiche si è scelto di affiancare documenti, dai cataloghi alle riviste, dove le immagini sono state utilizzate allo scopo di meglio comprendere il significato e il contesto d’utilizzo. [caption id="attachment_6991" align="aligncenter" width="600"]Divano Lombrico di Marco Zanuso per C&B, art director Enrico Trabacchi, 1967. © Mauro Masera. Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti. Divano Lombrico di Marco Zanuso per C&B, art director Enrico Trabacchi, 1967.
    © Mauro Masera. Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti.[/caption] [caption id="attachment_6992" align="aligncenter" width="600"]Seduta Bobo di Cini Boeri per Arflex, 1967. © Mauro Masera Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti. Seduta Bobo di Cini Boeri per Arflex, 1967.
    © Mauro Masera. Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti.[/caption] [caption id="attachment_6990" align="aligncenter" width="600"]Poltrona Throw away, Willie Landels per Zanotta, redazionale per Abitare, art director Michele Provinciali. © Mauro Masera. Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti Poltrona Throw away, Willie Landels per Zanotta, redazionale per Abitare, art director Michele Provinciali. © Mauro Masera. Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti.[/caption]
  • 16 Feb 2017
  • 16 February 2017

    Presentazione del volume "Enzo Frateili. Un protagonista del design e dell'architettura"

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Il volume "Enzo Frateili. Un protagonista del design e dell'architettura" a cura di Raimonda Riccini e Aldo Norsa sarà presentato martedì 7 marzo 2017 alle ore18 presso l'ADI, in via Bramante 29, Milano Intervengono, con i curatori: Luciano Galimberti, presidente ADI Stefano Della Torre, direttore del dipartimento ABC, Politecnico di Milano Angelo Cortesi, già presidente ADI Medardo Chiapponi, professore ordinario, Università IUAV di Venezia Andrea Campioli, professore ordinario, Politecnico di Milano Francesco Trabucco, già professore ordinario, Politecnico di Milano Gianni Contessi, già professore ordinario, Università degli Studi di Torino Enzo Frateili. Un protagonista del design e dell'architettura a cura di Raimonda Riccini e Aldo Norsa, Torino, Accademia University press, 2016 Invito Frateili
  • 12 Feb 2017
  • 12 February 2017

    History and Memories: a text by Victor Margolin

    We received, and are happy to publish and share, a short article that Victor Margolin – the author, among other things, of the World History of Design (Bloosmbury, 2013) – wrote in 2016 on the occasion of the ICDHS conference in Taipei. In this text Margolin reflects on his ongoing contribution to the expansion of the scope of Design History and on the role that such conferences as ICDHS play in this direction. The text is featured in the “On design history” section of the AIS/Design’s website:  http://www.aisdesign.org/aisd/en/icdhs-storia-memorie
  • 21 Dec 2016
  • 21 December 2016

    Call for Papers: Making and Unmaking the Environment, Design History Society Annual Conference 2017

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Call for Papers: Making and Unmaking the Environment Design History Society Annual Conference 2017 University of Oslo, 7-9 September 2017 Design and designers hold an ambiguous place in environmental discourse. They are alternatively being blamed for causing environmental problems, and hailed as possessing some of the competences that could help solving those problems. Despite this long-standing centrality of design to environmental discourse, and vice versa, these interrelations remain underexplored in design historical scholarship. Confirmed keynote speakers: Simon Sadler – University of California, Davis Jennifer Gabrys – Goldsmiths, University of London Peder Anker – New York University & University of Oslo Half a century ago, Leo Marx coined the phrase ‘the machine in the garden’ to describe a trope he identified as a prominent feature of 19th and early 20th century American literature, in which the pastoral ideal is seen as disturbed by the invasion of modern technology. Marx subsequently shifted perspective from this fascination with ‘the technological sublime’ to a deep concern for the environmental ramifications of technological progress. The question of how we as society deal with the allegorical machine in the proverbial garden is more relevant than ever. Design is both making and unmaking the environment. Conversely, it might be argued that the environment is both making and unmaking design. This conference seeks to explore how these processes unfold, across timescapes and landscapes, thus opening a new agenda for the field of design history. Design thinkers from John Ruskin and William Morris to Richard Buckminster Fuller and Victor Papanek and beyond have grappled with the intricate and paradoxical relations between the natural environment and the designed environment. From Ghandi's India to Castro's Cuba, design policy has been enmeshed in concerns for its environmental ramifications. From prehistoric stone implements to contemporary nanotechnology, design has been key to shaping our environment. In the anthropocene, we can no longer talk about design (and) culture without also talking about design (and) nature. The conference theme is intended to stimulate new directions in design historical discourses that take seriously design’s complex interrelations with nature and the environment. Not only does design feature prominently in the making and unmaking of the environment; studying the history of these processes will also help reveal how the idea of the environment itself has been articulated over time. Engaging with issues of environmental controversies and sustainable development can move design history beyond its conventional societal significance, and may thus enable more resilient futures. Relevant topics include, but are not limited to: - Design and consumption - Repairing, fixing, mending - Design in nature - Design of nature - Histories of sustainable design - Histories of unsustainable design - Environmentalist movements and design - Design movements and the environment - Durability and ephemerality - Impacts of materials and manufacturing - Imaging nature(s) - Greenwashing & greenwishing - Designs on the Anthropocene - Politics and policies of sustainable design - Design and alternative energy - Designing doom and gloom - Designing technofixes - Appropriate technology - Eco-modernism vs. green conservatism - Eco-fiction/Eco-topias - Deep ecology as design philosophy - Traditional design for resilient futures - Visual culture of the environmental crisis - Waste and afterlives - Silent springs and atomic winters - Social sustainability - Ecology and systems design - Navigating spaceship earth - Earthships and biodomes - Biomimicry and generative design
    Special anniversary strand: Making and Unmaking Design History2017 marks the 40th anniversary of the first Design History Society Annual Conference, held in Brighton in 1977, as well as the 30th anniversary of the Journal of Design History. In celebration of this landmark, we invite proposals for papers addressing the historiography of design and the history of the discipline, with the aim to curate a special anniversary strand on the making and unmaking of design history. We are inviting proposals for individual papers of 20 minutes, or proposals for thematically coherent panels of three papers. Panel proposals must include abstracts for all three papers in addition to a short description of the panel theme. Deadline for submission of abstracts: 20 January 2017 Please submit your proposals in the form of anonymous MS Word documents to: dhs-2017@ifikk.uio.no Convenor: Kjetil Fallan Co-convenors: Ingrid Halland, Ida Kamilla Lie, Gabriele Oropallo, and Denise Hagströmer
  • 16 Nov 2016
  • 16 November 2016

    La signorina Kores e le altre: donne e lavoro a Milano 1950-70

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Venerdì 18 Novembre Triennale di Milano, viale Alemagna 6 Alle 18.00 Nell'ambito di Milano BookCity 2016, l'enciclopediadelledonne.it presenta il volume "La signorina Kores e le altre: donne e lavoro a Milano 1950-70". 18novembrejpg
  • 16 Nov 2016
  • 15 Nov 2016
  • 15 November 2016

    Design e Immaginario: Oggetti, immagini e visioni fra rappresentazione e progetto

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    20161115_135958 È uscito Design e Immaginario. Oggetti, immagini e visioni fra rappresentazione e progetto a cura di Paola Proverbio e Raimonda Riccini (Università Iuav di Venezia - il Poligrafo, 2016). Gli oggetti sono strutture immaginarie. Lo sono soltanto perché producono significati e simboli e culturali, aprendo mondo impensati, ma anche perché l’immaginario è insito nella formulazione e nella progettazione di nuovi oggetti. Si potrebbe dire che l’immaginario è un produttore di oggetti, tanto quanto gli oggetti sono produttori di immaginario. E in questa circolarità il design ha fissato un punto storicamente essenziale facendo, di questa circolarità, la sua caratteristica peculiare, il suo connotato saliente: dar forma agli artefatti e, attraverso la forma, dar vita a immaginari. Grazie alle voci di autori di diverse discipline, il volume analizza il ruolo che il oggetti hanno nella costruzione sociale dell’immaginario, con contributi provenienti da ambiti produttori di potenti immaginari, come il cinema, la letteratura, la fotografia, l’editoria, l’arte. Ma si interroga anche su come si forma l’immaginario nel mondo della progettazione, scandagliando le dinamiche che governano l’iter immaginativo: da un lato ricostruisce gli elementi fondanti e la storia di questo processo, dall’altro documenta le sue innumerevoli sfaccettature nei percorsi progettuali dei designer stessi. Il volume nasce in seno all’attività seminariale del Dottorato in Scienze del design dell’Università Iuav di Venezia nella primavera del 2013, sotto il coordinamento scientifico di Raimonda Riccini.
  • 17 Sep 2016
  • 17 September 2016

    AIS/Design. Storia e Ricerche - No. 10 - October 2017 - Call

    AIS/Design. Storia e Ricerche - No. 10 - October 2017 Design Histories Through and From Sources “AIS/Design. Storia e Ricerche”, the online, open-access, peer-reviewed journal of the Italian Association of Design Historians, will celebrate the publication of its 10th issue in 2017.   Since its founding in 2013, the journal has provided a historical perspective on such topics as the design of materials (No. 4), design for the food industry (No. 5), the relationship of designers with writing (No. 6 ), the designer's workspace (No. 7). Two more thematic issues are currently under preparation, dedicated to the digital revolution in the field of graphic design (No. 8, October 2016) and to the figure of the designer/educator Enzo Frateili (No. 9, March 2017). On the occasion of its 10th release (October 2017), “AIS/Design. Storia e Ricerche” will publish a miscellaneous issue that will feature research studies on a variety of topics proposed by the authors, with a specific focus on the use of primary sources. The fil rouge of the issue will therefore be methodological. This issue of the journal, titled “Design Histories Through and From Sources”, aims to gather original contributions based on the examination, study and interpretation of primary sources available in different forms – physical/analogue or digital – including textual, iconographic or multimedia sources, archival files as well as oral testimony. We are looking for papers that will not only delve into the analysis of specific sources, but will also reflect on the use of these sources and on the challenges and opportunities they represent for the historiography of design.    Contemporary historical narrative tends to privilege storytelling, rather than relying on the collection, organization, comparative study and interpretation of first-hand data and information. At the same time, the growing number of sources and documents, often characterised by instability, typological heterogeneity, different media and formats, uncertainty with regards to their context of reference (multimedia and digital, for example, or oral sources), makes the historian's work more challenging and broadens the scope of history making. Issue 10 of “AIS/Design. Storia e Ricerche” is seeking articles that: • offer an original reconstruction of stories of design and design culture (that may even contrast with previous, accepted interpretations) based on the study of primary sources, and that will also critically discuss the specificity of the sources consulted and contextualise their use in the phases of research and interpretation; • reflect more broadly (again on the basis of first-hand knowledge and experience of primary sources) on the potential of primary sources to provide new perspectives on the history of design; on the challenges and methodological opportunities offered by the heterogeneity of sources, formats and media; on the types of sources that can be used to address the multiple histories of design (e.g. in different national contexts); on the role and contribution of the various figures involved in the processes of preservation, interpretation and utilization of sources, from historians to people who work in archives, to designers themselves.

    SUBMISSION DEADLINES AND CONTACTS All submissions are subject to blind peer-review. Deadlines are as follows: • November 14, 2016: abstract submission; the abstract (max. 300 words) will illustrate the contribution proposal (specifying the types of sources that will be used, the methodological and historiographic approach that the author/s intend to sustain); it will include the title, 5 keywords and a short biography (max. 150 words).The abstract may be in English (or English and Italian) • December 5, 2016: authors will be notified of the editors’ interest in the proposal; • April 24, 2017: full paper submission; • By June 19: authors will be notified of the peer-review’s outcome and of the eventual acceptance of their papers (changes or additional work may be needed in view of publication); • July 31: final paper submission. All submissions should be sent to: editors@aisdesign.org and cc: journal@aisdesign.org For information and questions contact the editors at: editors@aisdesign.org

    TYPES of CONTRIBUTIONS and MANUSCRIPT PREPARATION All proposed contributions must be original texts. Papers that are beyond the scope of the journal, that have previously been submitted to other journals or have already been featured (in any language), or that replicate texts published elsewhere, will be rejected without peer review. Contributions will fall into the following categories: 1. Essay (contributions presenting a theoretical, critical, and methodological stance that offer an in-depth discussion or re-reading of broad historical arguments and questions) (max. 8000 words, including notes, references, captions) 2. Research study (papers based on studies conducted on primary sources and offering original historical insight into specific topics or stories) (max. 8000 words, including notes, references, captions) 3. Micro-history (papers that analyse particular and specific stories, which have been neglected to date or refer to the border areas of the discipline) (max. 4000 words, including notes, references, captions) Full papers will be accompanied by a short abstract (max. 150 words), a list of 5 keywords, and by a short biographical note (max. 150 words). Style and preparation guidelines are available from https://docs.google.com/document/d/1Az4XgylBlt6MTTyA5e-Xc9uhED6H2DMq_owo-P_YULQ/view. To complement their contribution, authors can submit up to 10 images (copyright-free images or images for which authors have obtained the right/permission of publication), accompanied by full captions (including credits).

  • 31 Aug 2016
  • 31 August 2016

    SAMPLING MARCELLO D’ANDREA. Progetti dall’archivio del grafico leccese

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    3-10 set 2016 Manifatture Knos via Vecchia Frigole 36 Lecce
    sampling_d_andrea_manifesto_def
    In occasione di Bitume Photofest 2016, nella cornice delle Manifatture Knos di Lecce, sarà allestita una selezione di progetti finiti, esecutivi di stampa, diapositive, studi e bozzetti, provenienti dall’archivio privato del grafico Marcello D’Andrea. Nato a Lecce nel 1934, D’Andrea, dopo la maturità artistica, si iscrive al Magistero d’Arte di Firenze seguendo l’indirizzo di Architettura di interni. Tornato nel capoluogo salentino, a partire dal 1955, si dedica all’insegnamento di Disegno Geometrico in diversi istituti e licei locali. Negli stessi anni avvia il suo percorso di graphic designer, contribuendo, nell’arco di quaranta anni di carriera, alla costruzione dell’identità visiva di aziende, negozi, hotel e case editrici leccesi. I suoi lavori, pubblicati sulle principali riviste del progetto italiane e su annual nazionali e internazionali, mescolano la ricerca personale con l’attività professionale di designer. I progetti in mostra svelano non solo l’iter progettuale quotidiano del grafico tra gli anni sessanta e novanta, ma anche il suo contributo alla costruzione dell’immagine di un territorio, quello salentino, nella seconda metà del secolo scorso. I documenti scelti si propongono di aggiornare la mappatura della storia del design italiano attraverso l’analisi del lavoro svolto da D’andrea nell’arco di quaranta anni principalmente in Salento, territorio ancora poco esplorato dalla storiografia del disegno industriale. La mostra di presentazione del fondo archivistico è il primo step del progetto SAMPLING MARCELLO D’ANDREA, curato da Michele Galluzzo e Valerio Nicoletti, che si propone nel corso dell’anno di ricostruire il percorso professionale del grafico leccese e di far rivivere la sua produzione attraverso nuovi elaborati che saranno realizzati in collaborazione con Kiasmo, marchio nato a Ruffano (Lecce) nel 2011, legato alla produzione e alla ricerca nell’ambito dell’architettura, dell’arte, del design e della moda.
    a cura di Michele Galluzzo e Valerio Nicoletti (Positivo Diretto) in collaborazione con Elsa Moro con il supporto di Kiasmo progetto grafico Michele Galluzzo e Valerio Nicoletti   [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2016/08/sampling_d_andrea_comunicato_stampa.pdf"] sampling_d_andrea_img_1 sampling_d_andrea_img_2 sampling_d_andrea_img_3
  • 9 Jun 2016
  • 9 June 2016

    Recall: "Angelica e Bradamante le Donne del Design" 3° convegno nazionale AIS/Design

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Venerdì 17 e sabato 18 giugno prossimi, presso la Triennale di Milano, si terrà il Terzo Convegno Nazionale di AIS/Design – Associazione Italiana Storici del Design.

    In questa occasione, verrà portato al centro della riflessione storica il rapporto fra donne e design, per far emergere i profili di donne protagoniste sconosciute ai più e contribuire così a un ripensamento – ormai assolutamente necessario – delle gerarchie e dei valori che hanno fondato sino ad oggi la ricostruzione delle vicende del design. Scarica il programma delle due giornate: [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2016/06/programmaABD1.pdf"]
  • 27 May 2016
  • 27 May 2016

    Angelica e Bradamante: le Donne del Design. Terzo convegno nazionale AIS/Design

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Il 17 e 18 giugno prossimi, presso la Triennale di Milano, si terrà il Terzo Convegno Nazionale di AIS/Design – Associazione Italiana Storici del Design.

    In questa occasione, verrà portato al centro della riflessione storica il rapporto fra donne e design, per far emergere i profili di donne protagoniste sconosciute ai più e contribuire così a un ripensamento – ormai assolutamente necessario – delle gerarchie e dei valori che hanno fondato sino ad oggi la ricostruzione delle vicende del design. Il programma, che si snoderà in due giornate (venerdì dalle 9.30 alle 17.30 e sabato dalle 9.30 alle 13.30), darà spazio a una discussione sui problemi delle donne nella formazione e nella professione utile a elaborare una prospettiva sempre più inclusiva del femminile nella storia e nel futuro del design. saveTheDate2.ai
    [gview file="http://www.aisdesign.org/files/programmaABD.pdf"]
  • 27 Apr 2016
  • 27 April 2016

    Designing Worlds National Design Histories in an Age of Globalization

    For the series “Making Sense of History” by Berghahn Books editions, the volume edited by Kjetil Fallan and Grace Lees-Maffei: Designing Worlds National Design Histories in an Age of Globalization, will be puplished on June 30th 2016. From consumer products to architecture to advertising to digital technology, design is an undeniably global phenomenon. Yet despite their professed transnational perspective, historical studies of design have all too often succumbed to a bias toward Western, industrialized nations. This diverse but rigorously curated collection recalibrates our understanding of design history, reassessing regional and national cultures while situating them within an international context. Here, contributors from five continents offer nuanced studies that range from South Africa to the Czech Republic, all the while sensitive to the complexities of local variation and the role of nation-states in identity construction. For additional information: http://www.berghahnbooks.com/title.php?rowtag=FallanDesigning 12957520_1593656157616988_443661684321302849_o  
  • 7 Mar 2016
  • 7 March 2016

    Un ricordo di Daniele Baroni

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    di Giovanni Baule Esattamente trent'anni fa incontravo Daniele Baroni per l'avvio della nuova edizione di Lineagrafica. Reduce dalla migliore stagione di Ottagono, in un momento di grande fervore per quello che si annunciava come un periodo di rifondazione dei saperi della grafica di progetto, Daniele insistette subito sulla necessità imprescindibile di un recupero delle fonti storiche del visual design, in favore di una ricostruzione della disciplina che avesse radici nella storia. "Genesi del design grafico" titolava uno dei suoi primi interventi che si presentavano tutti con quella stessa capacità di sintesi, con quella stessa puntigliosa precisione con la quale era solito lasciar parlare i documenti visivi ritagliati con estrema cura dagli archivi del progetto. Per Daniele parla, come si è soliti dire, il suo lavoro di studioso e storico del design: ma sempre accanto alla competenza progettuale che era il filtro continuo adottato lungo la sua militanza editoriale. Anche la sua manualistica risente in positivo di questa capacità di connettere il piano del progetto operativo con quello della storia; un approccio che è diventato un modello, tracciato sull'impercettibile confine dove lo storico guarda al progetto e il progettista guarda alla storia. In questa logica, Daniele non poteva non essere presente tra i primi nel momento in cui abbiamo dato corpo istituzionale al progetto di Corso di laurea in design della comunicazione presso il Politecnico di Milano. Il suo insegnamento era sempre lezione di ponderatezza e di distanza dall'improvvisazione; il suo personalissimo paradigma del rigore si fondava sulla voce dei documenti più che sulle loquacità interpretative; e al fondo lasciava trasparire una non ideologica e controllata passione. La sua concreta disponibilità e il suo pensiero distaccato, sempre lontano dal chiacchiericcio di maniera, sono le cose che ci mancheranno: sul piano dello stile molto hanno insegnato, marcando una differenza anche negli anni indiscreti dell'apparire. Milano, 7 marzo 2016
  • 23 Feb 2016
  • 23 February 2016

    In ricordo di Daniele Baroni

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    AIS/Design ricorda con stima e affetto Daniele Baroni, vicepresidente e, fino alla fine, animatore instancabile della nostra Associazione. Daniele si è dedicato da sempre e con passione alla cultura del design e alla sua divulgazione, sia come professionista, sia come studioso. In particolare, come esperto di storia della grafica e del libro, ci lascia volumi entrati stabilmente fra i principali nella produzione editoriale italiana del design.
  • 23 Dec 2015
  • 23 December 2015

    La formazione del designer in Italia di Anty Pansera

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Invito alla presentazione del libro: La formazione del designer in Italia Una storia lunga più di un secolo di Anty Pansera mercoledì 13 gennaio ore 18:00 Triennale Design Museum Teatro Agorà viale Alemagna 6, Milano intervengono insieme all'autrice: Arturo Dell'Acqua Bellavitis Presidente Triennale Design Museum Cristina Tajani Assessore del Comune di Milano alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo Economico, Università e Ricerca Raimonda Riccini Università Iuav di Venezia - Presidente Associazione Italiana degli Storici del Design Alberto Cavalli Direttore generale Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte Ingresso libero IMG_1699
  • 24 Nov 2015
  • 24 November 2015

    A/B/D/ Angelica e Bradamante: le Donne del Design fra storia, ricerca e professione

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Lunedì 30 Novembre Fondazione Isec, Sesto San Giovanni A/I/S/Design con AIAP / AWDA – DcomeDesign - Design della Comunicazione per le Culture di Genere organizza il seminario: A/B/D/ Angelica e Bradamante: le Donne del Design fra storia, ricerca e professione 10.00 Introduzione Raimonda Riccini Presentazione partner Luciana Gunetti x Cinzia Ferrara e Daniela Piscitelli; Anty Pansera; Valeria Bucchetti 10.30 Presentazione progetti in corso 11.00 Sessioni parallele: A. Le designer e le altre Anty Pansera (DcomeDesign) coordinamento, con Mariateresa Chirico Maria Chiara Salvanelli; Serena Carbone; Rosa Chiesa, Paola Proverbio (Politecnico di Milano, Design); Cinzia Pagni (Politecnico di Milano, Design); Francesca Pirozzi; Marinella Ferrara (Politecnico di Milano, Design); Teresita Scalco (Università Iuav di Venezia, Archivio progetti); Elena Della Piana (Politecnico di Torino, Design); Emilia Garda, Caterina Franchini (MoMoWo); Laura Cara; Chiara Crea (TRE+design). B. Azioni e Rappresentazioni Valeria Bucchetti (Politecnico di Milano) coordinamento Cristina Demaria (Università di Bologna, Semiotica); Claudia Padovani (Università di Padova, Sociologia); Arianna Mainardi (Milano Bicocca, Sociologia e Ricerca Sociale); Francesca De Vecchi (Università Vita-Salute San Raffaele, Facoltà di Filosofia); Elena Caratti (Politecnico di Milano, Design); Marta Reina (Politecnico di Milano, Design); Silvia Pizzocaro (Politecnico di Milano, Design); Rossana Carullo (Politecnico di Bari, Design). 13.30 Pausa pranzo 14.30 Sessioni tematiche: D. Le professioniste Luciana Gunetti (Politecnico di Milano, Archivi Storici) coordinamento Francesco Guida (Donne grafiche dall’archivio AIAP); Paola Lenarduzzi (Studio Paola); Giulia Scalera (PhD Design e Innovazione); Valentina Ascione (Studio grafico Mosne); Ginette Caron (Ginette Caron Communication design); Angelika Burtscher (Studio Lupo & Burtscher); Roberta Manzotti (Rossodigrana). 16.30 Report delle sessioni e proposte per il convegno AIS 2016 e per iniziative congiunte Conclusioni Raimonda Riccini   Fondazione Isec Largo La Marmora 17 20099 Sesto San Giovanni (MI) Te. 02.22476745 info@fondazioneisec.it Raimonda Riccini 3495929370 / raimonda@iuav.it [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/11/Invito.pdf"]
  • 31 Oct 2015
  • 31 October 2015

    AIS/Design. Storia e Ricerche - n. 9 (settembre 2016) Call

    AIS/Design. Storia e Ricerche - n. 9 “The years they made contact: Graphic design, new technologies and new media” edited by Maddalena Dalla Mura, Raimonda Riccini, Carlo Vinti CALL FOR PAPERS
    “… throughout its brief history, the computer has already made contact with possibly all aspects of modern life and society. ‘Contact’, I believe, is the appropriate term when we talk about the role and opportunities that are offered by what can be considered the most advanced tool in the field of graphic arts, design and visual communication in general. Indeed, as in many other fields, we have just begun to scratch the surface of the potential applications of the computer.” - Helmut Flohr, “Il ruolo dei calcolatori nelle comunicazioni visive” (The role of computers in visual communication), in Poliedro, 4, Aiap Bulletin, 1967.
    The advent of the electronic and digital age, since the end of WWII, has revealed new opportunities and opened new paths in the field of communication, not least for graphic design. The subsequent spread of computer usage beyond the professional sphere, the relative democratization of communication tools, and the rise of new media towards the end of the past century, however, have confronted designers with a number of radical transformations and challenges that have led some commentators to repeatedly announce the end of graphic design as a specialised profession. Though this has not happened, the last half-century has brought changes that have certainly affected every aspect of graphic design and led to a redefinition of the discipline at both the operational and the conceptual levels. In the years immediately following WWII, well before computers offered designers actual tools, the rise of cybernetics and computer science spawned an ample range of futuristic imagery and provided inspiration for the systematic visual organization of information and knowledge. Since the 1960s, the gradual introduction of photographic typesetting and composition challenged designers to address new production techniques and new specialised professional figures, while opening up a landscape of new expressive and aesthetic possibilities. After the early pioneering experiences of the 1970s, the last two decades of the twentieth century brought about a veritable revolution: the introduction of consumer GUI and editorial software and the spread of desktop publishing definitively altered the entire working process, from type design to printing. Subsequently the advent of the Internet and the world wide web, the introduction of new devices and the convergence of diverse media, radically changed the way users interact with communication artefacts. These changes transformed the processes of production, dissemination and utilization of visual communication, making graphic design work easier and faster, but also sliding the position of graphic designers in opposite directions, towards greater or lesser control, convergence or divergence with regards to other fields, the integration or hybridization of tools, and the specialisation of skills. On the one hand, the new tools have given designers direct access to specific aspects and phases of the production, mediation and circulation of communication that had previously been out of their reach, opening up new possibilities for design. On the other hand, the development of new media formats and artefacts (eg. CD-ROMs, websites) have confronted graphic designers with a different kind of complexity, which requires new knowledge and expertise that intersect with other technical and design areas – in particular programming and interaction design – fostering experimentation as well as resistance, emblematic of which is, for example, the contradistinction between graphic design for printing and multimedia design. Over time, these phenomena have alternately strengthened and weakened specific areas of design expertise, repeatedly causing disciplinary boundaries to be questioned, prompting the design community to reflect on the profession and to confront new demands in the field of design education; they have also fostered the spread of new vocabularies, metaphors and definitions, from the rhetoric of “hypertext” to the notions of the “designer as producer” and the “digital designer”; and they have contributed to the emergence of new trends in style and expression, marked by the contamination and hybridization between different creative fields that have fueled the debate on the question of a new digital aesthetic. At the same time it should not be forgotten that graphic designers have played a role in the very process of communicating and mediating these technological innovations to a vast audience of potential users and consumers who, in turn, thanks to the gradual accessibility of tools and technology, have become more and more actively involved in the actual production of visual communication. While, over the years, these changes have received attention in the press and in the critical debate, from a historical point of view they are yet to be thoroughly documented and investigated. Thirty years after the desktop publishing revolution, it seems important to begin to recognize the historical relevance of the longest period of intersection, convergence and tension produced when graphic design “made contact” with technological innovations, and therefore to reconsider the impact they have had on the conception, practice and culture of graphic design. The 9th issue of “AIS/Design. Storia e Ricerche” will address the history of the years that graphic design made contact with new technologies and media, from the postwar period to the new millennium, with a focus on the emergence of new areas of design and new typologies of artefacts. The aim is to gather original historical contributions that reconstruct and analyse the different ways in which the various technologies have become a tool, a medium, an idea and a source of inspiration for graphic design, and in particular articles that deal with the following issues and aspects:
    • The impact of technologies, media and devices on roles, skills and knowledge in graphic design; how they have changed workflows – in and out of the graphic design office –, design tools, the design process and the production, mediation and dissemination of visual communication;
    • How graphic design and designers addressed the rise of new areas of design and new communication artefacts (eg. web design, interaction design, game design, motion graphics);
    • Stories of convergence with other areas of technical and design competence as well as stories of resistance to change, rejection of hybridization, and eventual retreat into more traditional roles and into revivalism of pre-digital techniques and media;
    • Analysis of graphic design’s contribution to the field of new media and new formats, even in directions that have been superseded due to accelerated or forced obsolescence (eg. CD-ROMs, hypertextual and multimedia resources etc.);
    • Aesthetics, styles and visual language related to the use of new tools and technologies;
    • The impact of new technologies on the concept, organization and planning of graphic design education and curricula;
    • The theoretical debate and the critical discourse, as carried out, for example, in specialised magazines and journals, and the literature concerning graphic design and the role of the graphic designer in relation to the introduction of new technologies and media;
    • The role played by graphic design in communicating electronic and digital technology to diverse audiences, and in shaping a new imagery associated with these innovations.
    SUBMISSION DEADLINES AND CONTACTS All submissions are subject to blind peer-review. Important dates: • January 4, 2016: submission of abstracts of proposed contributions; the abstract (max. 300 words; in English or Italian) illustrating the proposal, will include the title and 5 keywords; authors should also include a short biographical note (max. 150 words); by January 25: authors will be notified of the editors’ interest in, and acceptance of, the proposed contributions; • April 19: full paper submission; papers should be prepared according to the given style guidelines; submission will include a short abstract, 5 keywords, a short biographical note about the author/s, a set of images and captions (see below, under “Types of contributions and manuscript preparation”); by May 31: authors will be notified of the peer-review’s outcome and of the eventual acceptance of their papers (changes or additional work may be needed in view of publication); • June 21: final paper submission. All submissions should be sent to: editors@aisdesign.org and cc: journal@aisdesign.org For information and questions contact the editors at: editors@aisdesign.org TYPES of CONTRIBUTIONS and MANUSCRIPT PREPARATION All proposed contributions must be original texts. Papers that are beyond the scope of the journal, that have previously been submitted to other journals or have already been featured (in any language), or that replicate texts published elsewhere, will be rejected without peer review. Contributions will fall into the following categories: 1. Essay (contributions presenting a theoretical, critical, and methodological stance that offer an in-depth discussion or re-reading of broad historical arguments and questions) (max. 8000 words, including notes, references, captions) 2. Research study (papers based on studies conducted on primary sources and offering original historical insight into specific topics or stories) (max. 8000 words, including notes, references, captions) 3. Micro-history (papers that analyse particular and specific stories, which have been neglected to date or refer to the border areas of the discipline) (max. 4000 words, including notes, references, captions) Full papers will be accompanied by a short abstract (max. 150 words), a list of 5 keywords, and by a short biographical note (max. 150 words). Style and preparation guidelines are available from https://docs.google.com/document/d/1Az4XgylBlt6MTTyA5e-Xc9uhED6H2DMq_owo-P_YULQ/view. To complement their contribution, authors can submit up to 10 images (copyright-free images or images for which authors have obtained the right/permission of publication), accompanied by full captions (including credits).
  • 30 Oct 2015
  • 30 October 2015

    GIOVANNI PINTORI E LO STILE OLIVETTI

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    LUNEDÌ 16 NOVEMBRE ORE 17.30 Fondazione Isec, Villa Mylius Largo Lamarmora, 17 Sesto San Giovanni (MI) M1 fermata Sesto Rondò Fondazione Isec è lieta di invitarvi alla presentazione dei volumi di Massimiliano Musina, Giovanni Pintori, la severa tensione tra riserbo ed estro (Bologna, Fausto Lupetti editore, 2013) e di Marta Sironi, Giovanni Pintori (Moleskine, 2015). L’uscita dei due libri è l’occasione per tornare a riflettere sul senso e l’eccezionalità dell’esperienza olivettiana per la storia della grafica e della comunicazione di impresa. Giovanni Pintori (1912-1999), per molti anni responsabile dell’Ufficio pubblicità dell’Olivetti, ha affiancato all’attività professionale anche quella di pittore. Intervengono Oltre agli autori Massimiliano Musina e Marta Sironi partecipano alla discussione Giuseppe Lupo Università Cattolica di Milano Carlo Vinti Scuola di Architettura e Design dell’Università di Camerino Coordina Giorgio Bigatti Fondazione Isec Ingresso libero [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/11/Presentazione-16-novembre.pdf"]
  • 16 Oct 2015
  • 16 October 2015

    Presentazione del numero speciale Expo 2015

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Martedì 20 ottobre il numero speciale Expo 2015 "Il design nell’industria alimentare. Cultura, prodotti, comunicazione" della rivista AIS/Design Storia e ricerche sarà presentato al MAXXI di Roma. Intervengono Rosa Chiesa, Ali Filippini, Gianluca Grigatti | AIS/Design Storia e ricerche Vincenzo Cristallo | Disegno Industriale, “La Sapienza”, Università di Roma Sonia Massari | Gustolab International Institute for Food Studies, Roma Modera Domitilla Dardi | Curatore per il design del MAXXI-Architettura 20.10.2015 | ore 18.30 MAXXI B.A.S.E | SALA GRAZIELLA LONARDI BUONTEMPO | INGRESSO LIBERO [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/10/MAXXI_invitiWeb_fatto.pdf"]
  • 8 Oct 2015
  • 8 October 2015

    Notice to readers

    We inform you that, unfortunately, the publication online of the issue "Designers and writing in the twentieth century” of “AIS/Design. Storia e Ricerche” has been delayed because of a problem occurred to the server that hosts the journal’s database: the functionality and, most imporantly, the security of the website were unfortunately damaged and procedures for restoring them will require some time.
    More details on the release date will be provided as soon as the web developer will have solved the issue. We apologize for the inconvenience and thank you once again for your patience.
  • 16 Sep 2015
  • 16 September 2015

    Adrian Frutiger: 1928-2015

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Il designer e grafico svizzero di fama internazionale Adrian Frutiger è morto il 10 settembre all'età di 87 anni a Bremgarten. Adrian-frutiger-at-work Nato nel 1928 a Unterseen (Canton Berna in Svizzera), Frutiger, figlio di un tessitore, già da bambino incominciò a creare una propria scrittura e un corsivo stilizzato come reazione al corsivo formale richiesto all'epoca nella scuola svizzera. Un iniziale interesse alla scultura fu scoraggiato dal padre e gli insegnanti della scuola superiore lo indirizzarono alla tipografia. Anche se Frutiger si dedicò al mondo della stampa il suo amore per la scultura influenzò l'aspetto dei suoi caratteri. All'età di 16 anni Frutiger fu apprendista tipografo compositore per quattro anni presso lo stampatore Otto Schaerffli nella città natale di Interlaken. Tra il 1949 e il 1951 frequentò la Kunstgewerbeschule (Istituto di Arti Applicate) a Zurigo, studiando sotto Walter Käch. Mentre frequentava la Kunstgewerbeschule, Frutiger s'interessò in particolare di calligrafia, un settore in cui gli strumenti di disegno potevano essere evitati in favore di pennino e spazzola. Nel 1952 Charles Peignot della foundry parigina Deberny Et Peignot assunse Frutiger basandosi su un lavoro illustrato intitolato Storia delle lettere. Alla Deberny & Peignot Frutiger creò i caratteri President, Phoebus e Ondine. Il primo carattere commerciale di Frutiger è stato President, un set di caratteri da titolo con della piccole grazie (serif) terminali, pubblicato nel 1954. Un carattere calligrafico informale, l'Ondine, fu anch'esso pubblicato da Peignot nel 1954. Nel 1955 fu pubblicato Meridien, un font vecchio stile con grazie. Il carattere traeva ispirazione dai lavori di Nicholas Jenson. Nel 1956 Frutiger crea il primo dei tre font slab-serif typefaces: Egyptienne. Egyptienne è uno slab serif sul modello del Clarendon ed è il primo carattere richiesto espressamente per il processo di foto composizione. Charles Peignot prevede una grande famiglia unificata, prevista per essere usato sia con il metal che con i sistemi di fotocomposizione. Impressionato dal successo del carattere Futura della Bauer foundry, Peignot incoraggia quindi la creazione di un nuovo font geometric sans-serif per poter entrare in competizione. A Frutiger però non piace la rigidità del Futura e persuade Peignot che il nuovo sans-serif deve essere basato su un modello realist (neo-grotesque). Il carattere del 1896 Akzidenz Grotesk è portato come modello primario. Per mantenere l'unità attraverso 21 varianti. La risposta del mercato all'Univers è immediata e positiva. Frutiger ha dichiarato che Univers è stato il modello di tutti i suoi successivi caratteri. Univers è stato alla base di Serifa (1967) e Glypha (1977). Univers fu così popolare tra gli anni sessanta e settanta che grandi brand come la Deutsche Bank, la General Electric e la Apple lo adottarono. La sua chiarezza lo rendeva perfetto per le insegne, è possibile infatti trovarlo nelle indicazioni dell’aereoporto di Francoforte, nei nomi delle vie a Londra, a Disney World e fu infine utilizzato nel 1972 per le Olimpiadi di Monaco. Ad oggi è ancora utilizzato per la sua resa anche sugli schermi digitali (i siti della CNN e di eBay utilizzano Univers). [caption id="attachment_4721" align="aligncenter" width="584"]Frutiger's Univers typeface. Frutiger's Univers typeface.[/caption] [caption id="attachment_4714" align="aligncenter" width="468"]Adrian Frutiger's Univers typeface was used for the wayfinding at the 1972 Olympics in Munich. Image courtesy of Charlie Carroll Adrian Frutiger Univers typeface, 1972 giochi Olimpici di Monaco (credits @Charlie Carroll).[/caption] Nei primi anni settanta l'autorità aeroportuale francese incarica Frutiger di creare un carattere per la segnaletica ai viaggiatori del nuovo aeroporto internazionale Charles de Gaulle per Parigi. Gli viene richiesto un carattere con grande leggibilità sotto ogni angolazione. Il carattere che crea è un amalgama di Univers temperato dall'influenza organica degli humanist sans-serifs tipo il font di Eric Gill "Gill Sans", il carattere di Edward Johnston per il London Transport e quello di Roger Excoffon "Antique Olive". Originariamente denominato Roissy, il carattere verrà rinominato Frutiger quando viene reso disponibile al pubblico dalla Mergenthaler Linotype Company nel 1976. Tra il 1984 e 1991 Frutiger realizza Versailles (un serif “old style”), Avenir (ispirato dal Futura) e Vectora (influenzato dai caratteri di Morris Fuller Benton Franklin Gothic e News Gothic). [caption id="attachment_4709" align="aligncenter" width="468"]Adrian Frutiger Avenir typeface. Adrian Frutiger Avenir typeface.[/caption] Nei tardi anni novanta Frutiger inizia a collaborare al raffinamento ed espansione di caratteri Univers, Frutiger e Avenir per l'uso della tecnologia moderna e indirizza lo sviluppo all'hinting per la visualizzazione a schermo. Frutiger viene riedito come Frutiger Next con un vero corsivo e pesi addizionali. Lavorando insieme al designer della Linotype Akira Kobayahi, Frutiger espande la famiglia Avenir con pesi sottili e pesanti, e una versione ristretta (condensed). Il carattere viene distribuito con il nome Avenir Next. Una delle ultime creazioni di Frutiger è il carattere ASTRA-Frutiger creato appositamente per l'Ufficio federale svizzero delle strade, ASTRA appunto. Entrato in vigore nel 2002, questo nuovo carattere è utilizzato man mano che i vecchi cartelli stradali svizzeri vengono sostituiti. [caption id="attachment_4711" align="aligncenter" width="468"]Adrian Frutiger, Frutiger typeface. Adrian Frutiger, Frutiger typeface.[/caption] Durante il suo lavoro da disegnatore di font, Frutiger aprì uno studio di design con Andre Gürtler e Bruno Pfäffli nei primi anni sessanta, lavorando su progetti di brand come ad esempio l’Air France e l’IBM. Scrisse molti libri, il suo saggio più conosciuto è Segni & Simboli. Disegno, progetto e significato, Stampa alternativa/Graffiti, Roma 1997 (ed. originale: Des signes et des hommes, Delta & Spes, Denges, Losanna, 1983) e insegnò presso l’Ecole Estienne e l’Ecole Nationale Supérieure des Arts Décoratifs a Parigi. È stato insignito del titolo di Chevalier de l'Order des Arts et Lettres e della New York Type Directors Club Type Medal. Insieme al font Helvetica, creata nel 1957 da Max Miedinger, l’Univers di Adrian Frutiger divenne il carattere classico del cosiddetto Stile svizzero internazionale, segnando un'epoca nella storia della grafica contemporanea. / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / I caratteri ideati da Adrian Frutiger comprendono: President (1954) Meridien (1955) Egyptienne (1956) Univers (1957) Serifa (1967) OCR-B (1968) Iridium (1975) Frutiger (creato nel 1975 per l'aeroporto Charles de Gaulle, pubblicato da Linotype nel 1976) Glypha (1977) Icone (1980) Breughel (1982) Versailles (1982) Avenir (1988) Vectora (1990) Didot (Linotype) (1991) Pompeijana (1992) Rusticana (1993) ASTRA-Frutiger (adottato nel 2002 dall'Ufficio federale svizzero delle strade)
  • 31 Aug 2015
  • 31 August 2015

    Design History, Theory and Practice of Product Design

    BERNHARD E. BÜRDEK BIRKHÄUSER Editions The reference work on the theory and history of product design Secondfully revised edition
    unnamed
    For students of design, professional product designers, and anyone interested in design equally indispensable: the fully revised and updated edition of the reference work on product design. The book traces the history of product design and its current developments, and presents the most important principles of design theory and methodology, looking in particular at the communicative function of products and highlighting aspects such as corporate and service design, design management, strategic design, interface/interaction design and human design.. From the content: Design and history: The Bauhaus; The Ulm School of Design; The Example of Braun; The Art of Design Design and Globalization Design and Methodology: Epistemological Methods in Design Design and Theory: Aspects of the Disciplinary Design Theory Design and its Context: From Corporate Design to Service Design Product Language and Product Semiotics Architecture and Design Design and Society Design and Technological Progress
  • 10 Aug 2015
  • 10 August 2015

    The process of writing World History of Design

    Schermata 2015-08-10 a 16.20.20 Victor Margolin shares the 15-year process of writing the first two volumes of “World History of Design”, published in 2015 by Bloomsbury. Video by Myra Margolin https://www.youtube.com/watch?v=Kxyy0THLfuI    
  • 7 Aug 2015
  • 7 August 2015

    La grammatica della massaia

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    L'Archivio Nazionale Cinema d'Impresa presenta

    La grammatica della massaia

    dal 7 agosto 2015

    su CinemaimpresaTV

    https://www.youtube.com/playlist?list=PL15B-32H5GlJ3CrTKAFPjxoK4ZhlLwRxp

    noname Cinemaimpresatv, il canale YouTube dell’Archivio Nazionale Cinema Impresa, presenta a partire da venerdì 7 agosto La grammatica della massaia, cinque puntate realizzate alla fine degli anni Cinquanta per “formare le casalinghe moderne”. L’Italia del miracolo economico e del conseguente “logorio della vita moderna” - a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta -  non si preoccupa solo di avere a disposizione forza lavoro adatta a rispondere alle sfide dell’età contemporanea e, in parallelo, di tranquillizzare quello che iniziava ad essere considerato l’altra faccia del lavoratore, cioè il “cliente”, il “consumatore”. Anche le madri di famiglia, le future “casalinghe” che si continua ancora a chiamare “massaie”, devono essere messe in condizione di affrontare le sfide della modernità. E mentre nel 1940, Nascita e morte della massaia il romanzo di Paola Masino uscito a puntate settimanali su Il Tempo, già provava a demolire il ruolo di questa figura centrale nella concezione sociale del regime, nell’Italia del Boom si preferisce proporre modelli di modernizzazione del ruolo femminile tradizionale, per rendere possibile anche alle donne la partecipazione al comune progresso economico e sociale. Nasce così La grammatica della massaia: cinque episodi realizzati dai documentaristi Giuliano Tomei e Filippo Paolone, per pubblicizzare gli elettrodomestici prodotti dalla CGE (Compagnia Generale di Elettricità), che iniziavano a sconvolgere le tradizionali abitudini domestiche, cambiando radicalmente l’impiego del tempo e la fatica delle donne: l’aspirapolvere, il frigorifero, il forno elettrico, il frullatore, ecc. In cinque lezioni, la “massaia italica” può trasformarsi in una di quelle “donne moderne”, che i film americani proponevano come modello ormai da decenni. Nella prima puntata, Il bilancio, la nuova “donna di casa” deve essere protagonista della vita familiare, imparando a gestire il bilancio di casa, dunque imparando a spendere e non solo a risparmiare, ma con una costante attenzione ai consumi, anche energetici. Giovane, indaffarata, attiva, nella seconda puntata, La casa e il suo arredamento, la donna guida il marito nella scelta di un alloggio funzionale e di mobili pratici e razionali. L’alimentazione vede la massaia attenta custode della salute di tutta la famiglia, per cui prepara una dieta “sana, varia, gustosa”. Ma la moderna massaia non accudisce soltanto ai suoi cari: nella quarta puntata, Il guardaroba, infatti, viene esortata a prendersi cura di sé, vestendosi con abiti alla moda ma senza rinunciare alla qualità dei tessuti e al risparmio. Arriva infine il compimento della vita familiare: L’allevamento del bambino, che insegna alla giovane coppia come gestire in modo razionale l’allargamento della famiglia. La grammatica della massaia, veniva utilizzata nei corsi i formazione organizzati dal dopolavoro aziendale (ad esempio alla Fiat) e nei “corsi di economia domestica per signorine”. La protagonista, Germana Francioli, diventa con la metà degli anni Sessanta un volto noto dei fotoromanzi Lancio, mentre il fratello, Armando, è uno degli eroi del melodramma popolare e degli sceneggiati televisivi.  INFO Elena Testa tel. 0125/230204 int. 106 cel. 3473893966
  • 16 Jun 2015
  • 16 June 2015

    AIS/Design a “Milano capitale del moderno” – PADIGLIONE ARCHITETTURA EXPO

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Il 5 maggio scorso sono stati inaugurati i convegni di Milano capitale del moderno, a cura di Lorenzo Degli Esposti (e per la parte di design, Francesca Balena Arista) al Belvedere del Grattacielo Pirelli, parte del programma del Padiglione Architettura di EXPO 2015 Belle Arti di Vittorio Sgarbi, iniziativa di Regione Lombardia in collaborazione con Triennale di Milano. Sono in tutto 14 giornate durante il semestre EXPO, sui temi dell’architettura, del design, della città e del paesaggio. Il programma è articolato nelle seguenti sezioni: Sull'accademia – Scuole e ricerche; Sul moderno lombardo – Itinerari di architettura; Sul libro – Teorie e storie; On Line – Pubblicistica d’architettura; Sull'opera – Architetti al Belvedere. La giornata di giovedì 18 giugno sarà in larga parte dedicata al Design. Nella sessione pomeridiana alle ore 15.30, per la sezione Sul libro – Teorie e storie Raimonda Riccini, direttrice di AIS/Design. Storia e Ricerche, presenterà le attività di AIS/Design e della rivista AIS/Design Storia e Ricerche con un focus dedicato al numero speciale Storia del design nell’industria alimentare: cultura, prodotti, comunicazione con interventi di Rosa Chiesa, Ali Filippini e Gianluca Grigatti, curatori del numero. Scarica il pdf della locandina Belvedere Pirelli, Via Fabio Filzi 22, 20124 Milano Ingresso libero ore 8.30 - 21.00 (programma: www.padiglionearchitettura.it) Per informazioni: info@padiglionearchitettura.it https://www.facebook.com/events/958526937492891/ In considerazione dei tempi necessari alla salita al Belvedere, si prega di presentarsi con congruo anticipo rispetto all’orario in programma dell’attività a cui si desidera partecipare.
  • 10 Jun 2015
  • 10 June 2015

    Extended Deadline - AIS/Design. Storia e Ricerche - No. 7 (2015)

    The deadline for submissions of abstracts for issue No.7 of the “AIS/Design. Storia e Ricerche” journal, devoted to Designers and Writing is extended to June 19 2015. Read the call >
  • 8 Jun 2015
  • 8 June 2015

    Call numero speciale: Enzo Frateili, un protagonista della cultura del design e dell’architettura (1914-1993)

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    AIS/Design Storia e Ricerche Call numero speciale Enzo Frateili, un protagonista della cultura del design e dell’architettura (1914-1993) A cura di Raimonda Riccini e Aldo Norsa In occasione del centenario della nascita, il 9 ottobre 2014 si è tenuto al Politecnico di Milano un convegno su Enzo Frateili, figura di artista, architetto, intellettuale, storico e studioso del design e dell’architettura, protagonista del dibattito dal dopoguerra ai primi anni ’90 del scolo scorso. All’incontro hanno partecipato personalità che hanno incrociato Enzo Frateili nella loro esperienza personale e professionale, all’interno delle Università nelle quali Frateili ha insegnato e delle istituzioni alle quali ha collaborato. La rivista digitale AIS/Design (www.aisdesign.org) ha in preparazione un numero che raccoglie i contributi al convegno. In questa occasione lancia anche una call per pubblicare studi e ricerche recenti che si possono riferire ai principali temi elaborati a suo tempo, e spesso in maniera originale e anticipatrice, da Enzo Frateili: 1. La storia e la teoria del design L’interesse di Enzo Frateili per la storia del design inizia con la sua collaborazione alla rivista “Stile Industria” (1955) e prosegue con numerosi articoli su altre riviste, intrecciandosi con il dibattito che dagli anni Cinquanta aveva coinvolto gli intellettuali e i progettisti. Lo sguardo di Frateili sul design e la sua storia è stato originale, in virtù del suo interesse per gli aspetti tecnologici dell’architettura e per gli elementi di “raccordo” fra i due mondi. Attento agli sviluppi culturali che stavano trasformando il design da elemento produttivo e merceologico a punto centrale della cultura e dell’estetica contemporanea, comincia a sviluppare un’importante riflessione sul linguaggio, sui materiali, sulle nuove tecnologie, in particolare sul design italiano. Come ci appare oggi questo interesse culturale, nel momento in cui la ricerca storica viene messa in discussione da più parti e ricopre un ruolo sempre più marginale all’interno delle università del design? Quali spunti di tipo metodologico e interpretativo ci possono dare ancora le analisi di Frateili? Quali filoni di studio si possono sviluppare a partire dalle domande che si poneva Frateili e che oggi ci sembrano ancora attuali? 2. La tecnologia nell’architettura Frateili studioso e critico della cultura tecnologica della progettazione si colloca a pieno titolo fra quel gruppo di interpreti delle tematiche dell’industrializzazione rappresentato in Italia da personaggi come Giuseppe Ciribini, Giovanni Klaus Koenig o Pietro Natale Maggi. Interessato ai temi della standardizzazione e dell’unificazione, attento alle questioni dell’impiantistica, del suo rapporto con l’edificio (ma ancora di più con gli aspetti del comfort e dell’ambiente interno abitato dall’uomo), Frateili ha lasciato un nutrito numero di testi attorno alla questione dell’impiantistica come componente funzionale del progetto e come elemento di possibile espressività dell’architettura. Nei suoi scritti dei primi anni Novanta, Frateili sviluppa anche una riflessione sull’automazione e sulla cosiddetta casa intelligente, allora agli albori, mostrando di conservare quella ricettività degli aspetti più innovativi del mondo contemporaneo che hanno contraddistinto tutta la sua attività. Oggi che le tecnologie hanno assunto un peso preponderante non soltanto nelle analisi degli studiosi ma nella vita quotidiana, quale spazio critico ha questo tema all’interno della progettazione dell’architettura? Quali delle questioni allora al centro dell’interesse di Frateili sono ancora attuali? Come si è sviluppata la tematica degli impianti, nel momento in cui i sistemi di reti smart sembrano essere i veri protagonisti dell’abitare contemporaneo? 3. La didattica del design Enzo Frateili ha rivestito un ruolo importante nei percorsi di formazione per i designer a livello universitario a partire dai primi anni sessanta, in particolare perché nella sua attività di docente concilia approccio storico e pratica progettuale. Libero docente al Politecnico di Milano, dove si occupa di Tecnologia dell’architettura, e invitato nel 1963 a tenere un seminario dalla Hochschule für Gestaltung di Ulm, fra il 1963 e il 1965 insegna Storia dell’industrializzazione al Csdi-Corso superiore di Disegno industriale di Venezia, prima esperienza pubblica dedicata. Negli stessi anni, Frateili è docente di Impianti tecnici nell’edilizia presso l’Istituto di architettura e urbanistica della Facoltà di ingegneria di Trieste e collabora con l’Isia di Roma. Dal 1982 al 1988 invece insegna Progettazione artistica per l’industria al Politecnico di Torino, prendendo il posto di Achille Castiglioni, e poi alla Facoltà di architettura del Politecnico di Milano. Il suo volume del 1983, Il disegno industriale italiano: 1928‐1981. Quasi una storia ideologica – fra i primi che in Italia ricostruiscono le vicende del design – raccoglie proprio le lezioni tenute a Torino. A ormai più di vent’anni dall’introduzione del design nel sistema di formazione universitario in Italia, le recenti trasformazioni normative, sociali e culturali hanno impresso uno scossone a un sistema che aveva appena trovato un suo assetto. Si avverte dunque la necessità di riflettere sui cambiamenti in atto e su come la formazione in design debba ritrovare oggi nuove ragioni, nuovi strumenti didattici e nuove metodologie. Inoltre, è necessario riflettere su alcune questioni specifiche ma importantissime: i profili professionali che si sono affacciati di recente sul mercato del lavoro; le domande su quali competenze sono indispensabili al futuro designer, soprattutto alla luce delle attività che possono essere “trasferite” alle tecnologie digitali; le diverse gerarchie delle discipline all’interno dell’università; la concorrenza fra sistema pubblico e sistema privato, l’emergere di fenomeni di “autoproduzione” ecc. Il Fondo Enzo Frateili a Mendrisio Una base di partenza per queste e altre ricerche sono i documenti che Mariella Frateili ha lasciato all’Accademia di Architettura di Mendrisio. L’archivio Frateili, che documenta l'attività progettuale, didattica e preparatoria alla pubblicazione delle numerose opere a stampa, in gran parte dedicate al disegno industriale e all'industrializzazione edilizia, è a disposizione degli studiosi presso la Biblioteca. Dati tecnici “AIS/Design. Storia e Ricerche” – n. 8 (gennaio 2016) Enzo Frateili, un protagonista della cultura del design e dell’architettura (1914-1993) a cura di Raimonda Riccini e Aldo Norsa Scadenza per la consegna dei testi: 15 novembre 2015 Entro quella data dovrà pervenire la versione integrale del contributo, impostato secondo le norme redazionali della rivista e inclusivo di abstract, parole chiave, biografia dell’autore, immagini, didascalie. I testi devono essere inviati a journal@aisdesign.org e a direttore@aisdesign.org TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI e PREPARAZIONE DEI MATERIALI I contributi proposti devono essere testi originali. Contributi che non rispondano agli obiettivi della rivista, che siano già stati presi in considerazione da altre pubblicazioni, che siano apparsi in riviste o libri in italiano o altre lingue, o che siano repliche, nelle parole o nel senso, di lavori già pubblicati, potranno essere rifiutati. Sono previste le seguenti tipologie di contributi: 1. saggi (scritti caratterizzati da un taglio teorico, critico, e metodologico, volti all’approfondimento tematico, alla discussione e ri-lettura di argomenti storici di respiro generale) (max. 50.000 battute comprese note, riferimenti bibliografici e didascalie); 2. ricerche (scritti originali su specifici argomenti di carattere storico-analitico, basati sull’indagine condotta su fonti primarie e con risultati inediti sul piano storiografico) (max. 50.000 battute comprese note, riferimenti bibliografici e didascalie); 3. microstorie (scritti che si caratterizzano per la peculiarità e la novità del tema trattato, con un taglio analitico che privilegia storie circoscritte, inedite e poco divulgate o che attinge anche a settori ai confini della disciplina) (max. 30.000 battute comprese note, riferimenti bibliografici e didascalie). Ciascun testo consegnato nella versione per la pubblicazione dovrà essere accompagnato da un abstract (max. 150 parole o 1000 battute) in italiano e in inglese, dall’indicazione di massimo 5 parole chiave, in italiano e inglese, relative sia ai temi sia agli autori trattati, e da una breve biografia (max 150 parole, o 1000 battute), in italiano e inglese. Per le norme redazionali, la preparazione dei testi e delle immagini, si vedano le istruzioni alla pagina: https://docs.google.com/document/d/1RUAmW6cjgywsu0i4G8QkYRNC1lyv9DEYtq-l_uoc5dU/view Per l’apparato iconografico, gli autori/autrici dovranno fornire max. 10 immagini libere da diritti o immagini per le quali abbiano già ottenuto diritto di pubblicazione (sulla rivista online), accompagnate da didascalie complete con indicazione di eventuali crediti. [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/06/AIS-Design_call_Frateili_open.pdf"]
  • 7 Jun 2015
  • 7 June 2015

    Birelli nella storia della grafica italiana

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    birelli_manifesto_tavola_rotonda_esec.png_cvt00 Tavola Rotonda 10 giugno 2015 ore 15 Auditorium Dorsoduro 2196, Cotonificio Venezia   Interventi Fiorella Bulegato Università Iuav di Venezia Mario Cresci Isia – Urbino Gianluigi Pescolderung Studio Tapiro – Venezia Mario Piazza Scuola del Design – Politecnico di Milano Raimonda Riccini Università Iuav di Venezia   Con il patrocinio di A/I/S/Design aiap A cura di Michele Galluzzo   info SBD Archivio Progetti tel + 39 041 257 1011/1012 email archivioprogetti@iuav.it www.iuav.it/archivioprogetti facebook: APOnlineIuav [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/06/tavola-rotonda_Birelli-nella-storia-della-grafica-italiana.pdf"]
  • 8 May 2015
  • 8 May 2015

    DIEGO BIRELLI GRAPHIC DESIGNER

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    invito_mostra Birelli-1
    mostra a cura di Michele Galluzzo 21 maggio 2015, ore 12 inaugurazione   saluti Serena Maffioletti, responsabile scientifico Archivio Progetti interventi Michele Galluzzo, Università Iuav di Venezia Roberto Masiero, Università Iuav di Venezia Domenico Luciani, Fondazione Benetton – Studi Ricerche - Treviso Adriana Pellizon   apertura 21 maggio > 12 giugno 2015 Archivio Progetti, Sala espositiva Venezia - Dorsoduro 2196, Cotonificio orario lunedì > venerdì 9.30 > 13.30 - giovedì 15 > 17.30 chiuso sabato e festivi   ingresso libero 10 giugno 2015, ore 15 tavola rotonda «Birelli nella storia della grafica italiana» Auditorium, Cotonificio   interventi Fiorella Bulegato, Università Iuav di Venezia Mario Cresci, Isia – Urbino Gianluigi Pescolderung, Studio Tapiro – Venezia Mario Piazza, Scuola del Design – Politecnico di Milano Raimonda Riccini, Università Iuav di Venezia per saperne di più: http://www.iuav.it/ARCHIVIO-P/MOSTRE/Diego-Bire/index.htm [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/05/invito_mostra-Birelli.pdf"] [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/05/comunicato-stampa_Diego-BIRELLI.pdf"]
  • 3 Apr 2015
  • 3 April 2015

    AIS/Design. Storia e Ricerche - n. 7 (dicembre 2015) Call for papers

    AIS/Design. Storia e Ricerche” – n. 7 (December 2015) Design at work: the history of design between the profession and industry edited by Fiorella Bulegato and Dario Scodeller * abstract submission deadline 8 June June 19 (extended deadline)* “AIS/Design. Storia e ricerche” is the peer-reviewed online journal of the Italian Association of Design Historians, dedicated to the advancement of research into every aspect of design history and to the publication of higher scientific research. Issue number 7, coordinated by Fiorella Bulegato and Dario Scodeller, is dedicated to the work of designers in the many different forms in which it has been expressed and developed since the 1930s, in the fields of product, visual and exhibition design. The intent is to examine, taking a point of view from within the profession, the relationship between design autonomy, and the constraints or opportunities represented by the context of organization, production and distribution – intrinsic to manufacturing companies and institutions – within which the designer must operate. CALL FOR PAPERS The economic, social, technological and cultural transformations underway, especially since the end of the short twentieth century as a result of the so-called third industrial revolution, are modifying consolidated production models – considering, for example, the impact of digital fabrication on the process of ideation, design and production, or the perspectives of open design. In this scenario it becomes increasingly urgent to reflect upon the role of the designer in the process of producing artefacts and on the transformations that the profession has always undergone. The many ways that the design process has been conceived and carried out, is a field of investigation that has been by and large neglected by studies on design history, even in biographical research. To focus on the context in which the designer works, on the organization and development of his work and on the interferences, influences and collaborations it entails, studying the collective effort of all the subjects involved, can help to provide a more accurate reconstruction of the complex matter of design. Apart from the cultural context, the designer has always worked in a specific operative milieu distinguished by rituals, practices and routines, in which the design process develops through meetings, discussions of briefs, strategic analyses, research, concepts, representations, presentations of proposals and progress reports, de-briefing, development of working drawings, problem-solving, construction of models and prototypes; a process in which the design is constantly challenged, and is the result of the degree of constraint that the designer is willing to accept and of the freedom he can carve out of his relationship with his client and with the other actors engaged in the development of a product or a communication strategy. On the other hand the designer, whether an independent professional or employed by a manufacturing company, has always had to deal with many different professional figures and the results, in the light of historic research, appear to be the result of a system of relations with technical, commercial and strategic and other figures, rather than a two-way relationship between a designer and an entrepreneur. This issue of “AIS/Design Storia e Ricerche” intends to shed a light on the many roles and responsibilities that designers have shouldered since the 1930s, and that their work has generated within manufacturing companies or working for manufacturing companies as a consultant and professional; the goal is in particular to collect original research studies that rely on the analysis of literature and primary sources to address one or more of the following aspects: > the designer within a manufacturing company: the relationship of the designer with different professional figures (the entrepreneur, management, technical figures, marketing and strategy, etc.) has led to experiences channelled within consolidated design processes, sometimes changing or reinventing their form, with roles and contributions that have yet to be explored by design histories; > the designer as art director: the role of this figure in the processes of strategic planning, ideation, development and innovation, in the construction of new company identities and in the strategic positioning of manufacturing companies; > the designer and industrial know-how: the relation between the designer’s autonomous experimentation and control over the final outcome in the relationship between the designer and the roles of the technician and director of production; > the experience of working in a team or as a collective; the design project and group dynamics; > the dialogue with the entrepreneur: case studies of fertile relationships between professional designers and entrepreneurs, with a preference for little-explored themes that can open new critical perspectives based on original documentary sources or on new understandings of known sources; > the relationship, during the process of developing products and communication artefacts, between the designer and “intermediary” professional roles (that may no longer exist) such as the model-maker, the prototype developer, the photo-lithographer, the colour corrector, the layout artist, the typesetter and the new professional roles that have grown out of digital prototyping since the 1980s; > the designer in the firm: the practice, organization and management of the creative process and the development of the working drawing within a professional firm and the relationship between the designer and his staff; > the designer-entrepreneur: when the designer produces his own products. SUBMISSION DEADLINES AND CONTACTS All papers are subject to blind peer-review. The deadlines are as follows: • June 8 June 19 2015 (extended deadline): submission of an abstract (max. 300 words or 2000 characters) illustrating the contribution proposal; the abstract, complete with title, must include a list of 5 keywords, and must be submitted in English or Italian; • June 30, 2015: authors will be notified of the acceptance of their abstract; • September 14, 2015: full paper submission; papers should be prepared according to the given style guidelines; submission will include an abstract, 5 keywords, a biographical note about the author/s, a set of images and captions (see below, under “Types of contributions and manuscript preparation”); • October 16, 2015: authors will be notified of the final acceptance of their papers; • November 13, 2015: final paper submission for publication. All submissions should be sent on or before the deadline to: bulegato@iuav.it, dario.scodeller@unirsm.sm and cc: editors@aisdesign.org. For information and questions please contact the editors at: bulegato@iuav.it, dario.scodeller@unirsm.sm TYPES of CONTRIBUTIONS and MANUSCRIPT PREPARATION All submitted contributions must be original texts. Papers that are beyond the scope of the journal, that have previously been submitted to other journals or have already been published in magazines or books in Italian or in any other language, or that replicate, in words or meaning, texts published elsewhere, will be rejected without peer review. The contributions will be divided into the following categories: 1. essays (contributions presenting a theoretical, critical, and methodological stance, that offer an in-depth exploration, discussion or new interpretation of broad historical arguments and questions) (max. 50,000 characters, including notes, bibliographical references and captions); 2. research studies (original papers on specific historical-analytical issues, based on studies conducted on primary sources and offering original historical insight into specific topics or stories) (max. 50,000 characters, including notes, bibliographical references and captions); 3. micro-histories (papers distinguished by the peculiar or innovative nature of the theme, with an analytical approach to original or circumscribed stories, or stories that have been neglected to date or refer to the border areas of the discipline) (max. 30,000 characters, including notes, bibliographical references and captions). Final papers for publication must be accompanied by a short abstract (max. 150 words or 1000 characters) in Italian or in English, a list of 5 keywords referring to the themes and the authors of the paper, and a short biographical note (max. 150 words or 1000 characters), in Italian or in English. In view of this submission, we ask you to prepare the manuscripts and required materials following the guidelines available at https://docs.google.com/document/d/1Az4XgylBlt6MTTyA5e-Xc9uhED6H2DMq_owo-P_YULQ/view To complement their contribution, authors may submit up to 10 copyright-free images or images for which authors have obtained the right/permission for publication (for an online magazine), accompanied by full captions that include credits.
  • 8 Mar 2015
  • 8 March 2015

    Plastic Days. Materiali e Design

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Comunicato stampa Plastic Days-1 La mostra Plastic Days, a cura di Cecilia Cecchini e Marco Petroni, nasce dall’analisi e dalla selezione di circa 600 oggetti della collezione della Fondazione Plart, Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti-Paliotto, e si compone come un originale racconto della grande e molteplice famiglia dei materiali plastici. Una testimonianza che racconta le trasformazioni degli ultimi centocinquanta anni di storia e che svela l’anima profonda della modernità e delle mutazioni che hanno segnato il paesaggio domestico e culturale in cui siamo immersi. La plastica diviene la lente d’ingrandimento puntata sulle dinamiche sociali ed economiche del nostro tempo. Gli oggetti in mostra rappresentano un’articolata selezione di artefatti assai rari provenienti da tutte le parti del mondo: prime serie di produzione, pezzi di grande tiratura di famosi designer o di design anonimo. Una scelta non finalizzata a proporre una puntuale ricostruzione della storia delle plastiche, ma a realizzare una mostra capace di disegnare un particolare percorso di lettura del nostro tempo, rivisitato attraverso un approccio multidisciplinare tra design, arte e costume. Uno sguardo ampio, testimoniato anche dagli interventi in catalogo di Alba Cappellieri, Laura Cherubini, Stefano Catucci, Gianluigi Ricuperati, Thea van Oosten e Anna Laganà. Completano il percorso espositivo le interviste a: Andrea Branzi, Donato D’Urbino, Paolo Lomazzi, Alessandro Mendini, Maurizio Montalti/Officina Corpuscoli, Andrea Trimarchi e Simone Farresin/ Studio Formafantasma, Gaetano Pesce e Maria Pia Incutti, collezionista e presidente della Fondazione Plart. Ente promotore: MEF - Museo Ettore Fico Con il patrocinio di: Regione Piemonte - Città di Torino In collaborazione con: Fondazione Plart, Plastiche e Arte di Maria Pia Incutti -  Paliotto, Napoli Fondazione Ettore Fico, Torino Organizzazione: MEF - Museo Ettore Fico Mostra e catalogo a cura di: Cecilia Cecchini e Marco Petroni Catalogo: Silvana Editoriale Sede: Fondazione Ettore Fico, Torino Apertura: da sabato 21 febbraio a domenica 21 giugno 2015 Orari: mercoledì, giovedì, venerdì ore 14 – 19; sabato ore 11 – 22; domenica ore 11 - 19 bg Mef-PlaDay M010-b1b31167f0 bg Mef-PlaDay M007-82b14ed792[gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/03/Comunicato-stampa-Plastic-Days.pdf"]
  • 8 Mar 2015
  • 8 March 2015

    Prodotti Autarchici. 1930-1944 Architettura Design Moda

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Studi sulla cultura del progetto per la tutela dei beni culturali. Il tema centrale del libro è lo studio e la ricognizione dei più importanti gruppi merceologici prodotti in Italia tra i primi anni trenta e gli anni della guerra. L’obiettivo è la restituzione, attraverso la ricomposizione di un complesso sistema di frammenti documentali ed iconografici, di un quadro dello stile del periodo che spazia dall’architettura, al design, alla moda. I prodotti dell’autarchia, quella pagina della cultura del prodotto che per alcuni suoi aspetti si rivela oggi di grande attualità, sono considerati “testimonianza materiale avente valore di civiltà” e quindi espressione delle pratiche sociali ed estetiche della modernità. Autore: Federica Dal Falco Anno di Pubblicazione: 2014 Lingua: Italiano Pagine: 184 Immagini: B&N, Colore Formato: 23 x 17 x 1,5 cm Editore: RDesignPress prodotti_autarchici
  • 20 Feb 2015
  • 20 February 2015

    Design meets materials

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    ​Prende avvio lunedì prossimo 23 febbraio DESIGN MEETS MATERIALS, un ciclo di conversazioni fra imprese, designer e università. Le conferenze si terranno lunedì 23 febbraio, lunedì 2 marzo e lunedì 30 marzo a Treviso, presso Palazzo Giacomelli (Piazza Giuseppe Garibaldi 13), sempre alle ore 16.00. Programma completo. [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/02/DesignMeetsMaterials_TV.pdf"] Le conferenze sono a ingresso libero previo accredito, per informazioni e adesioni: Chiara Pagani pagani@iuav.it 0422 590699 L'iniziativa, curata da Evelina Bazzo, fa parte di un progetto promosso dai Corsi di laurea in design dell'Università Iuav di Venezia insieme al Gruppo Legno Arredamento di Unindustria Treviso e coordinato da Raimonda Riccini. Lanciato in occasione della XIII Settimana della Cultura d’Impresa nel novembre 2014, DESIGN MEETS MATERIALS durerà fino a settembre 2015, con una serie di attività come i laboratori progettuali (condotti da Marco Zito e Simone Bellan con gli studenti), lecture, mostre.
  • 19 Jan 2015
  • 19 January 2015

    Design in times of turmoil: Displacement, Replacement, Emplacement

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    4T CALL FOR PAPERS INFO + POSTER-1 4T FACEBOOK COVER1 DATE May 14-15, 2015 VENUE Yasar University, İzmir KEYNOTE SPEAKER Jeremy Aynsley Professor of Design History, University of Brighton. Chair, Design History Society UK THEME “It was inevitable:” Reads the opening of Nobel Laureate Gabriel Garcia Marquez’s much acclaimed book, Love in The Time of Cholera. “It was inevitable: the scent of bitter almonds always reminded him of the fate of unrequited love.” And it is inevitable: every news item on wars, revolts and disasters reminds us of the fate of people suffering. It is inevitable for designers not to ponder the place of design in a world in turmoil. Turmoil, as a state of great disturbance, confusion, or uncertainty may apply to subjects as well as cultures, societies, and marginalized identities. What are the potentials and shortcomings of design when people face constant fear, danger, death, hunger and sickness; when they strive to continue their lives in search of new normalcies in unsettling, unhomely and unfriendly environments? Is it possible to talk about an emancipatory position for design under these circumstances? What can be the designer’s capacity and role in anxiety-ridden contexts embedded in uncertainty? How does design respond to turmoil in various scales and define, reinforce, or exacerbate such conditions? Can design resist, preempt, or avert turmoil? This year’s symposium adresses such questions under specific conditions of displacement, replacement and emplacement. These are highly charged terms, loaded with multiple meanings, some of which are cited below to indicate the span of possible approaches for symposium presentations. Papers are welcome to focus on one of the thematic categories or their intersections at various levels in the context of different design fields including spaces, buildings, industrial products, graphics, clothing and others. Displacement: 1. The removal of someone or something by someone or something else which takes their place; 2. The enforced departure of people from their homes, typically because of war, persecution, or natural disaster; 3. (Psychoanalysis) The unconscious transfer of an intense emotion from one object to another • Geographical displacement, i.e. war and forced migration • Cultural displacement, i.e., hybrid cultural practices caused by migration • Professional displacement, i.e., unprecedented tasks for established professions • Technological displacement, i.e., new media taking the place of the traditional desigers’ role • Domestic displacement, i.e. places of the homeless Replacement: 1. A person or thing that takes the place of another; 2. A person who fills the role of (someone or something) with a substitute; 3. An immediate renewal of an unsuccessful attack, often while still on the lunge • Corporeal replacement, i.e. prosthesis after personal turmoil or traumas • Replacement of needs and priorities in everyday life • Replacement of realities, i.e. the role of histories, memories, dreams and hopes in coping with turmoil. Emplacement: 1. A structure on or in which something is firmly placed; 2. A platform or defended position where a gun is placed for firing; 3. (chiefly Geology) The process or state of setting something in place or being set in place • Geographical emplacement, i.e. refugee camps • Urban emplacement, i.e. urban renewal • Corporeal emplacement, i.e. migrant enclaves • Cultural emplacement, i.e. gentrification Participants are invited to address these or similar themes as they relate to design discourses, production processes, products, producers and users. CALL FOR PAPERS Those who are interested in contributing papers to the tenth 4T Symposium are invited to submit a title and an abstract of 250-300 words through EasyChair (https://easychair.org/conferences/?conf=5t2015) by January 30th 2015. Registration to EasyChair is essential in order to submit abstracts. The symposium language is English, therefore all abstracts, presentations and papers should be in English. For any further questions please contact Bahar Emgin (bahar.emgin@yasar.edu. tr). Selected proposals will be announced on February 27th, 2015. Deadlines will not be deferred. For further information please visit conference website http://symposium4t.yasar.edu.tr/ ORGANIZERS Prof. Dr. Tevfik Balcıoğlu Prof. Dr. Gülsüm Baydar ORGANIZING BOARD Assoc. Prof. Dr. Özgen Osman Demirbaş Assoc. Prof. Dr. Şebnem Yücel Assist. Prof. Dr. Zeynep Arda Dr. Özlem Taşkın Erten Ömer Durmaz COORDINATOR Dr. Bahar Emgin ORGANIZING COMMITTEE Didem Dönmez Yasemin Oksel Selin Gençtürk Eda Paykoç GRAPHIC DESIGN Umut Altıntaş [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/01/4T-CALL-FOR-PAPERS-INFO-+-POSTER.pdf"] [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2015/01/4T-CALL-FOR-PAPERS-POSTER.pdf"]
  • 14 Dec 2014
  • 14 December 2014

    AIS/Design Storia e Ricerche – Call Expo 2015 special issue

    Design in the food industry: culture, products, communication AIS / Design. Storia e ricerche Expo 2015 special issue edited by Rosa Chiesa, Ali Filippini, Gianluca Grigatti The relationship between design and food is one of the most topical issues in the design community today. There is increasing debate about “food design” in particular, a category the boundaries of which remain blurred and the definition a matter of discussion. The current interest expressed by specialists and the wider public in food/design and the food supply chain has grown out of a rising mass attention to food (the popularity of television formats focused on cooking, the slow-food culture, the proliferation of publications and exhibitions dedicated to this theme, spurred by the direct relationship to the theme of Expo 2015). From a historical perspective, however, investigation into the theme has been rather sporadic and uneven, addressing design issues relative to patents, to more specifically functional aspects and to product configuration, to communication and consumption, to social and anthropological questions. Food, on the contrary, which is included in the history of the material culture and, since the beginning of industrial food production, to the history of manufacturing, rightly stakes its claim as a significant theme in the history of design. We therefore believe it is important to highlight research studies within the field of design history that focus on issues involving the relationship between food and design, food and production, food and distribution, in a perspective that emphasizes: • the evolution of the link between the industrial and the food culture: the relationship between machine/raw ingredients; the technology of the food production and transformation systems; the idea of the artificial (color, texture, form) and the manipulation of food, the study of specific packing materials; • the design of communication for food: the development of packaging and graphic design projects as a response to the requirements of distribution; • the theme of food distribution in relation to the places where it is presented, sold and consumed, considering the value of collective imagery in the matter of food as it relates to the traditional venues for collective food services (from cafeterias to service design), to the new modern and post-modern modalities (from the supermarket to vending machines, to eating out), and the relative instruments. The methodological approach seeks to bring together the perspective typical respectively of the design historian and the historian of manufacturing, without neglecting the contribution of other, only apparently distant disciplines, such as nutritional science. In particular, the articles should contemplate the historical moment of transition from the artisanal culture of food production, to the culture of industrial food production and packaging, addressing the specific issues involved in the diffusion, distribution and consumption of industrial food. Without automatically excluding other contributions, preference will be given to research on twentieth-century Italian case studies.
  • 23 Nov 2014
  • 23 November 2014

    Storia dell'impresa e storia del design. Prove di dialogo

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    a cura di Giorgio Bigatti e Domitilla Dardi Archetipolibri, Bologna 2014. Il volume presenta gli esiti del seminario organizzato dalla Fondazione Isec a Sesto San Giovanni il 22 novembre 2012, portando a compimento il lavoro istruito dalla commissione su Design e industria in occasione del Primo convegno nazionale di AIS/Design nel 2011. Ne sono scaturiti una serie di saggi storici che, pur con i limiti di una "prova", si alternano in un dialogo inedito, mettendo in luce le differenze e i punti di contatto e aprendo un territorio di ricerche ancora poco sondato. Testi di Marco Elia, Marinella Ferrara, Daniela Piscitelli, Elisabetta Mori, Loredana Di Lucchio nel campo del design; Silvia Cassamagnaghi, Ivan Paris, Daniele Pozzi e Paolo Bricco in quello dell'impresa. SI-SD
  • 21 Nov 2014
  • 21 November 2014

    Giornata di studi "METROPOLITANA POLITECNICA"

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    25 NOVEMBRE 2014 POLITECNICO DI MILANO / CAMPUS BOVISA / AULA CARLO DE CARLI h. 09.00 - 17.00 La rete metropolitana milanese è sempre stata, dalla sua prima linea inaugurata 50 anni fa, un caso emblematico della cultura progettuale politecnica. Diversi campi di ricerca e di progettazione ingegneristica, architettonica, di design e di pianificazione urbana hanno contribuito al massimo grado alla realizzazione di questa fondamentale infrastruttura della città di Milano e non solo. Metropolitana Milanese e il Politecnico di Milano, in occasione dell’anniversario dei 50 anni della linea 1, promuovono una giornata di studi per raccontare questo storico intreccio e soprattutto gli sviluppi e le potenzialità future di una capacità progettuale e imprenditoriale così articolata e produttiva. PROGRAMMA: [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2014/11/Programma-Metropolitana-Politecnica.pdf"] Per l'occasione lo stesso giorno verrà inaugurata la mostra "MILANO SOTTOSOPRA" image001(1)
  • 27 Sep 2014
  • 27 September 2014

    Enzo Frateili. Un protagonista della cultura del design e dell’architettura (1914–1993)

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    a cura di Aldo Norsa e Raimonda Riccini giovedì 9 ottobre 2014 ore 9.30–18 Aula Rogers, Politecnico di Milano via Ampère, 2 Il convegno, nel centesimo anniversario della nascita, si propone come momento di riflessione sulla figura di artista, architetto, intellettuale, storico e studioso del design e dell’architettura, protagonista del dibattito dal dopoguerra ai primi anni ’90 del secolo scorso. All’incontro partecipano personalità che hanno conosciuto Enzo Frateili nella loro esperienza personale e professionale, all’interno delle Università nelle quali Frateili ha insegnato e delle istituzioni con le quali ha collaborato. Questa occasione vuole proporsi anche come momento per fare luce sulle ricerche che giovani e meno giovani hanno sviluppato sulle tematiche care a Frateili, sia nell’ambito della storia del design sia in quello della riflessione teorica, progettuale e pedagogica. A partire dagli esiti della giornata, l’Associazione Italiana degli Storici Italiani del Design lancerà una call pubblica per un convegno da tenersi nel 2015 all’Università Iuav di Venezia i cui risultati saranno pubblicati in un numero speciale della rivista on line “AIS/Design Studi e Ricerche”, con una successiva versione cartacea. Politecnico di Milano Dipartimento ABC - Dipartimento di Design Università Iuav di Venezia con il patrocinio di AIS/Design Associazione Italiana degli Storici del Design ADI Associazione per il Disegno Industriale [gview file="http://www.aisdesign.org/aisd/wp-content/uploads/2014/09/invito-Frateili_def.pdf"]
  • 27 Sep 2014
  • 27 September 2014

    Extended Deadline - AIS/Design. Storia e Ricerche - No. 5 (2015) Call

    The deadline for submissions of abstracts for issue No. 5 of the “AIS/Design. Storia e Ricerche” journal, devoted to Designers and Writing is extended to October 10th 2014.
  • 24 Sep 2014
  • 24 September 2014

    Ernesto Basile nella storia del design

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Lunedì 29 settembre 2014 a Palermo si terrà la giornata di studio “Ernesto Basile nella storia del design”. Il progetto, curato da Raimonda Riccini, è stato promosso da AIS / Design - Associazione Italiana degli storici del Design e dalla Soprintendenza Archivistica per la Sicilia, in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo e la Fondazione Livia Titi Basile. L’incontro vede la presenza di istituzioni, studiosi e giovani ricercatori di AIS / Design qualificati negli ambiti degli archivi, della ricerca storica e della valorizzazione. Dopo i saluti istituzionali, che apriranno i lavori alle 9.30 presso l’aula magna del Dipartimento di Architettura, avrà inizio la prima sessione, cui parteciperanno Ettore Sessa, Vanni Pasca, Philippe Daverio e Rossana Carullo. Seguirà una visita alla mostra permanente delle Collezioni Basile e Ducrot e, dalle 16.30 la seconda sessione presso l’Archivio di Stato, con la presenza di Eleonora Marrone Basile e dei ricercatori di AIS /Design. Dalla discussione della giornata, che metterà in luce il ruolo di un protagonista della cultura artistica e architettonica italiana capace di guardare all’Europa, ai linguaggi della modernità e di colloquiare con le imprese, potranno emergere spunti per ricerche che esplorino il sodalizio fra Basile e le aziende siciliane (in particolare Ducrot e Florio), a partire dagli splendidi materiali archivistici conservati a Palermo. Maggiori informazioni sul programma a questo link.
  • 6 Aug 2014
  • 6 August 2014

    AIS/Design. Storia e Ricerche - No. 5 (April 2015) Call

    AIS/Design. Storia e Ricerche - No. 5 Designers and Writing in the Twentieth Century edited by Fiorella Bulegato, Maddalena Dalla Mura and Carlo Vinti AIS/Design. Storia e Ricerche is a peer-reviewed online journal promoted by the Italian Society of Design Historians and dedicated to the advancement of the history and historiography of design. Issue No. 5, which inaugurates the editorial programme for the years 2015-2016, coordinated by Fiorella Bulegato, Maddalena Dalla Mura and Carlo Vinti, will be dedicated to the relationship between designers and writing and to investigating the impact it has had on the development of the culture of design in the twentieth century. CALL FOR PAPERS The development of the culture of design has been marked by the direct involvement of designers in writing. Throughout the twentieth century, designers have written about their own work and the work of their peers; they have elaborated manifestos, programmes and texts that have been crucial to the disciplinary debate, narrated the history of design from their own perspective; founded and directed periodicals; authored books and teaching manuals. Indeed, some designers have engaged in designing the layout of their publications, often developing unique forms of writing that enhance the visual components of the text. Apart from its relevance to the practice of individual designers, the intersection of design and writing has played an evident role in certain national contexts, at specific moments in history. One such case is Italy, for example, which since the 1930s has developed a significant tradition of designers distinguished for their prolific and tireless writing, for their ability to integrate professional practice and critical thinking, contributing to nurture the system for the production and mediation of Italian design. In recent years, not least in the wake of an increased interest in design criticism and the emergence of so-called “critical” design, the relationship between writing and design – including its historical developments – has gained renewed attention (see in particular Writing Design: Words and Objects, ed. by Grace Lees-Maffei, Berg, 2012). However, the influence and impact that the theoretical, critical and historical, programmatic and educational writings of designers have had on the development of the culture of design, in different cultural contexts and historical circumstances, has yet to be fully analysed. This issue of AIS/Design. Storia e Ricerche aims to investigate the diversified engagement of designers with writing activities and the different genres they have practiced in different cultural contexts, over the twentieth century, by collecting original research studies and critical reflections that will integrate the analysis of literature and primary sources to discuss one or more of the following issues: – the role of designers in the advancement of the theoretical, critical and historical discourse on design; – the role of writing “in” the practice of design and “as” design practice, in the work of individual figures, groups or movements, and in particular in the framework surrounding the more conceptual and self-reflective instances of design; – the influence of designers’ writings in different languages and national contexts (e.g. through translations and editions); – the contribution of magazines, publications and book series directed by designers to the critical-theoretical discourse of design and to the mediation of the design culture towards specialized and lay audiences; – the specific qualities of writing by designers in such genres as textbooks and educational publishing, auto-biographical narrative and testimony, the argumentative essay, criticism, magazine columns, news, editorial text etc.; – the case of designers who have concurrently held the roles of author, editor and designer of the editorial product, combining writing and graphic design. SUBMISSION DEADLINES AND CONTACTS All submissions are subject to blind peer-review. Important dates: - September 29 October 10, 2014 (extended deadline): abstract submission; the abstract (max. 300 words) illustrating the contribution proposal, will include the title and 5 keywords; the abstract can be in English (or English and Italian); - January 12, 2015: full paper submission; papers should be prepared according to the given style guidelines; submission will include a short abstract, 5 keywords, a short biographical note about the author/s, a set of images and captions (see below, under “Types of contributions and manuscript preparation”); - February 6, 2015: authors will be notified of the final acceptance of their papers; - March 2, 2015: final paper submission. All submissions should be sent to: editors@aisdesign.org and cc: journal@aisdesign.org  For information and questions contact the editors at: editors@aisdesign.org TYPES of CONTRIBUTIONS and MANUSCRIPT PREPARATION All proposed contributions must be original texts. Papers that are beyond the scope of the journal, that have previously been submitted to other journals or have already been featured (in any language), or that replicate texts published elsewhere, will be rejected without peer review. Contributions will fall into the following categories: 1. Essay (contributions presenting a theoretical, critical, and methodological stance that offer an in-depth discussion or re-reading of broad historical arguments and questions) (max. 8000 words, including notes, references, captions) 2. Research study (papers based on studies conducted on primary sources and offering original historical insight into specific topics or stories) (max. 8000 words, including notes, references, captions) 3. Micro-history (papers that analyse particular and specific stories, which have been neglected to date or refer to the border areas of the discipline) (max. 4000 words, including notes, references, captions) Full papers will be accompanied by a short abstract (max. 150 words), a list of 5 keywords, and by a short biographical note (max. 150 words). Style and preparation guidelines for authors are currently under revision; they will be soon made available online. To complement their contribution, authors can submit up to 10 images (copyright-free images or images for which authors have obtained the right/permission of publication), accompanied by full captions (including credits).
  • 4 Aug 2014
  • 4 August 2014

    CfP Nomadic Interiors - Politecnico di Milano

    The call has been launched for the 3rd international conference NOMADIC INTERIORS: Living and inhabiting in an age of migrations, that will be held on May 21-22, 2015, at the Politecnico di Milano. This conference aims to deal with such issues as cultural, ethnic, religious and political identity and diversity, and with the question of global nomadism. More details about the call can be found at http://www.interiorsforumworld.net/home/ifw2015/
  • 6 Jul 2014
  • 6 July 2014

    AIS/Design. STORIA E RICERCHE n° 4 – Extended deadline

    We wish to inform you that the deadline for submissions for issue No. 4 of the “Ais/Design. Storia e Ricerche” journal is extended to July 25th, 2014. Go to the call
  • 16 Jun 2014
  • 16 June 2014

    Conferenza | “Graphic design, quale professione?” Il caso italiano fra ricerca storica e riflessione critica

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    27 giugno 2014, Genova, Scuola Politecnica. Dipartimento di scienza dell’architettura. La conferenza, a cura di Daniela Piscitelli e Carlo Vinti, è organizzata da Ais Design (Associazione italiana Storici del design) con Aiap (Associazione italiana Progettazione per la comunicazione visiva) ed è inserita nella programmazione di Aiap Design Per 2014 Genova. “Graphic design, quale professione?” è una conferenza sulla storia e il futuro della grafica in Italia. Il graphic design è oggi un settore plurale, trasversale e privo di contorni definiti. L’idea di una professione specializzata e unitaria è stata messa in crisi da spinte di tipo economico-culturale e da fenomeni generati dalla rivoluzione digitale. In Italia come altrove, la professione si è formata fin dall'inizio grazie all’intreccio di pratiche e discorsi molto differenti. L'indagine storica sulla formazione dell’identità professionale dei grafici può servire a guardare con occhi diversi il presente, mentre le direzioni molteplici prese dalla pratica contemporanea suggeriscono nuovi indirizzi alla storiografia. La prima parte della giornata è dedicata quindi a interventi di taglio storico, nella seconda parte, si lascerà spazio al dibattito sul panorama professionale contemporaneo e sui suoi possibili sviluppi futuri. Intervengono: Chiara Barbieri, Brave New Alps, Fiorella Bulegato, Elio Carmi, Unità di Crisi, Riccardo Falcinelli, Davide Fornari, Michele Galluzzo, Caterina Giuliani, Pino Grimaldi. Introducono e moderano: Carlo Vinti, Daniela Piscitelli e Mario Trimarchi. Maggiori informazioni a questo link.
  • 8 Jun 2014
  • 8 June 2014

    Kjetil Fallan: storia e attualità del design

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    12 giugno, ore 18 ADI, Associazione per il Disegno Industriale via Bramante 29, Milano Kjetil Fallan, storico del design e professore all'Università di Oslo, è il protagonista di un incontro all'ADI di Milano promosso da AIS/Design in collaborazione con ADI e moderato da Vanni Pasca Fallan dedica i suoi studi all'analisi teorica e ai rapporti tra storia del design e storia della tecnologia. È curatore, con Grace Lees-Maffei, di Made in Italy: Rethinking a Century of Italian Design (Bloomsbury Academic, 2013) e autore di Design History: Understanding Theory and Method (Berg Publishers, 2010).
  • 4 Jun 2014
  • 4 June 2014

    Mostre | Luca Meda. La felicità del progetto

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Triennale di Milano. 8 Maggio - 8 Giugno 2014 Schermata 06-2456813 alle 10.58.46 La mostra Luca Meda. La felicità del progetto, a cura di Nicola Braghieri, Rosa Chiesa, Serena Maffioletti e Sofia Meda, nasce dal lavoro di riordino dell’archivio Meda oggi custodito presso l’Archivio Progetti Iuav. Essa si sostanzia dunque di una ricchissima quantità di documenti e disegni, tale da testimoniare l’ampiezza tematica e figurativa dell’autore che, come riportato dai curatori, “ha coniugato architettura e design in un ininterrotto e giocoso impeto creativo: la mostra, ampiamente costituita da schizzi di studio, racconta soprattutto l’ideazione delle opere, da cui traspare quello sguardo vitale che Luca Meda rivolge allo spazio abitato ancor più avvincente per il modo in cui esso è animato, da donne soprattutto, rotonde e festose, da uomini, animali, giullari […] mentre la mano veloce appunta inarrestabile”. La mostra offre una diversa consistenza dell’autore “tra persone, oggetti, forme”, ne traspare una figura complessa, non raccontabile solo attraverso i più consueti approcci tematici o cronologici. Maggiori informazioni a questo link.
  • 28 May 2014
  • 28 May 2014

    Conferenza | A Matter of Design. Making Society through Science and Technology

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Politecnico di Milano 12 – 14 giugno 2014 La Società Italiana di Studi sulla Scienza e la Tecnologia ha organizzato il 5° Convegno di STS Italia in collaborazione con il Dottorato in Design del Politecnico di Milano. La conferenza ospiterà i risultati empirici e teorici di differenti discipline e campi di studio finalizzata ad individuare diversi aspetti dei processi d’innovazione, della tecnologia, della scienza e del design. In particolare il comune denominatore che caratterizza il quinto convegno, ruota attorno all’idea di design al dine di mettere in luce come: “dall’incontro della tradizione degli studi sulla scienza e la tecnologia con la più recente riflessione sul design possono scaturire nuovi scenari e nuove prospettive per l’una e per l’altra comunità di ricerca”. Parteciperanno come keynote speaker: Kjetil Fallan (University of Oslo), Sheila Jasanoff (Harvard University), Elizabeth Shove (Lancaster University), Charis Thompson (London School of Economics.) Programma generale Programma dettagliato
  • 23 May 2014
  • 23 May 2014

    AIS/Design. STORIA E RICERCHE - No. 4 (November 2014) Call

    AIS/Design Storia e Ricerche # 4 Italian Material Design: learning from History edited by G. Bosoni e M. Ferrara Several theoretical contributions (Bosoni & De Giorgi 1983; Branzi 1983, 1984, 1996; Antonelli 1995; Doveil, 2002)[2], analyzing the history of Italian products, pointed out a particular capacity of Italian design to apply materials and technological processes. Italian designers’ and entrepreneurs’ way of work that “imaged” and “interpreted” materials, conferred a specific character to the Italian industrial design, generating innovation both of languages and uses, to the point that a new sense of materials was defined, re-elaborated by the Italian design research, one that goes beyond the strictly technological innovation. There was the coming out of the idea of an Italian way to technology innovation in the field of design that bases itself upon a thin historical dialogue between technique and aesthetic and on the particular attention that designers dedicated to the symbolic-communicative values of materials.This specific design method, led to a generation of manufactures that still today wonder for their surprising and sophisticated use of materials and techniques, as well as for the elaboration of ideas that broke up a consolidate knowledge introducing elements of discontinuity – compared to the common thought – anticipating social aspirations and supporting the growth of new life styles. This “Italian way” of doing innovation, communicated through exhibitions, polish visual artefacts and theoretical materials diffused by media, is the place of a mythology that still supports the image of the Italian design, even if in the last decades only few researches have gone deeper into the subject trying to understand the motivations at the base or to develop this supposed Italian peculiarity. CALL FOR ARTICLES The 4th number of the “Ais/Design. Storia e Ricerche” Journal (expected journal publication November 2014), is proposed as an occasion of confrontation on the theme of the relationship between materials and Italian design. The aim of this call is to collect a series of original contributions with unpublished writings or re-positioning well known stories, that provide documentary evidence of the proposed topic (the particular attention of the Italian Design to materials, technologies and productive processes), with its various stories – product, fashion, interiors, visual, etc. – also focusing on how communication design contributed to build this myth. Even if based on the Italian history, the call also demands a other contributions that could compare foreign episodes and experiences with these Italian realities to better understand the specificities of the Italian case. Authors could propose contributes (essays, researches, micro-stories) that deal with the call taking inspirations from the following questions: - What could have been the creative and innovative dynamics in the relation materials-design-production in Italy? What the prominent moments, actors and above all histories not yet unveiled and technical flops? - What kind of material innovation and production histories emerge from the political and economical history? What from the technological one, the history of industries and patents? How could these histories be read in the Italian design culture context? What kind of role had the conditions developed during some specific historical moments? What new reconstruction of the Italian material design emerges from the study of industries, exhibitions, collections and archives? - How has Italian design contributed to build, diffuse and call into question the identity of materials and technologies? In which way have materials and productive processes been interpreted when defining a new life/identity/image of products? What kind of tensions and contradictions do stories of Italian design related to the material culture reveal? - Which are the founding characteristics of the Italian culture of Material Design? - Does This supposed peculiarity of the Italian design match with reality, or is it only a myth because the competence to apply materials is intrinsically connected to the designer’s know-how in every context? What are the relationships with international design theories and histories? - If it is a specific Italian capacity, why is that so? What are the fundamental reasons that allowed this development? What kind of role have material culture, traditional crafts, relationships with arts, context conditions and practical know-hows had? - What role have visual and exhibit design had in the creation of the myth of Italian Material Design? What kind of exhibitions and museums (art, applied art, science and technology, industrial heritage, fashion, architecture etc.) involved Italian materials design and which kind of narration emerged from them? - In what way did Italian design contribute to stimulate the international design landscape toward a strong attention to the characteristics of materials and its interpretation? Proposals that provide less known and studied histories, possibly documented by archive sources and inedited materials, will be particularly well accepted. The chronological focus for contributions will be the XX century; anyway also contributions that extend their view beyond this period can be taken into account. For the book reviews section, authors could propose reviews of books with pertinent topics related to this number of “Ais/Design. Storia e Ricerche”, as well as reviews of exhibitions related to the history of Italian design. SUBMISSION DEADLINE AND CONTACT Full texts must be received by July 25, 2014. Submit to: journal@aisdesign.org and caporedattore@aisdesign.org All texts will be blind reviewed by peer experts. Authors will be informed of the results by August 25, 2014. Authors of accepted papers will submit the final version of their text by October 1, 2014. To discuss proposals and for more information, please contact Marinella Ferrara and Giampiero Bosoni writing to: marinella.ferrara@polimi.it and giampiero.bosoni@polimi.it. TYPES OF CONTRIBUTIONS The proposed contribution must be original texts – not already appeared in other publications, journals or books in any language. Texts will be divided into the following categories: 1. essays (texts with a theoretical, critical, and methodological stance that offer an in deep discussion or a re-reading of broad historical arguments and questions) [20,000-30,000 characters / 3,000-4,500 words] 2. research (writings based on studies conducted on primary sources and offering original historical insight into specific topics or stories) [20,000-30,000 characters / 3000-4500 words] 3. micro-histories (writings that analyze peculiar and specific stories, that have been neglected so far or that also draw on the border areas of the discipline) [10,000-15,000 characters / 1500-2250 words] 4. reviews (of exhibitions, books, major events etc.) [5000-10,000 characters / 800-1200 words] 5. news (events or exhibitions, publication of books, openings, etc.) to be published on the AisDesign website. Each text will be accompanied by an abstract of up to 100 words (600 characters) both in Italian and English version (for a total of 200 words / 1200 characters), a list of max. 5 keywords in Italian and English, and by a short bio of the authors of max. 120 words (800 characters) both in Italian and English version (for a total of 240 words / 1600 characters). About images/pictures, authors will provide copyright-free images or images for which they obtained rights/permission of publication (for “Ais/Design. Storia e Ricerche” online journal), accompanied by full captions (including credits). Images must be sent in JPG format with a minimum resolution of 580x700 pixel. Detailed information about types of contributions (essays, research, micro-histories, reviews, news), texts and images editing and editorial guidelines, are available at the following links: http://www.aisdesign.org/aisd/rivista#call [1] Bosoni G., M. De Giorgi, 1983 (a cura di), Il disegno dei materiali industriali/ The materials of design, 14, C.I.P.I.A. /Electa, Milano; A. Branzi, A., 1983, Merce e Metropoli, Epos, Palermo; Branzi, A.,1984, La casa calda, Idea Books, Milan; Branzi, A., 1996, Il design italiano 1964-1990, Electa, Milano; Antonelli, P., 1995, Mutant Materials in Contemporary Design, MoMA, New York; Doveil, F., 2002, iMade: l’innovazione materiale nell’industria italiana dell’arredamento, Federlegno Arredo, Milano. [2] Bosoni G., M. De Giorgi, 1983 (eds.), Il disegno dei materiali industriali/ The materials of design, 14, C.I.P.I.A. /Electa, Milan; A. Branzi, A., 1983, Merce e Metropoli, Epos, Palermo; Branzi, A.,1984, La casa calda, Idea Books, Milan; Branzi, A., 1996, Il design italiano 1964-1990, Electa, Milan; Antonelli, P., 1995, Mutant Materials in Contemporary Design, MoMA, New York; Doveil, F., 2002, iMade: l’innovazione materiale nell’industria italiana dell’arredamento, Federlegno Arredo, Milano.
  • 21 May 2014
  • 21 May 2014

    Mostre | De Poli Artigiano Designer. Un progetto didattico

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    de-poli 27 maggio – 11 luglio 2014 Università Iuav di Venezia Archivio Progetti, Ex Cotonificio S. Marta Dorsoduro 2196, 30123 Venezia Verrà inaugurata il 27 maggio, attraverso una giornata di studi, la mostra “De Poli Artigiano e Designer” a cura di Alberto Bassi, Valeria Cafà, Teresita Scalco, con gli studenti del corso magistrale in Design del prodotto e comunicazione visiva e il contributo di Aldo, Evelina e Giovanni De Poli. La mostra, allestita presso la sala espositiva dell’Archivio Progetti dello Iuav, si avvale della documentazione cartacea, delle opere finite, dei semilavorati, degli strumenti, delle fotografie e dei disegni che i figli di Paolo de Poli hanno donato all’Archivio Progetti, ed è al momento il primo fondo di design ed arti applicate che entra a far parte dell’archivio. La mostra è stata anche l’occasione per avviare un progetto didattico all’interno del corso di Critica del design contemporaneo tenuto dal professor Alberto Bassi, gli studenti hanno potuto affrontare il tema del progetto di una mostra, sia per ciò che riguarda i contenuti che per l’allestimento, la grafica, la comunicazione, contribuendo così ad alimentare un virtuoso rapporto tra didattica, ricerca e progetto. Info Invito
  • 21 May 2014
  • 21 May 2014

    Progettazione e cultura del design: dal design degli architetti al design specializzato

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    compasso-d-oro

    Martedì 27 maggio, ore 18.00 via Bergognone 34, Milano Incontro promosso dall’Associazione Italiana degli Storici del Design AIS/Design e DESIGN È - XXIII Compasso d'Oro ADI Se nel Novecento i designer erano in buona parte architetti e la cultura progettuale era vista come unitaria, che ne è stato di quel modello di fronte ai cambiamenti profondi dell’odierno contesto produttivo, sociale e culturale? Quale l’apporto delle discipline storiche e teoriche nella costruzione della professione? E quale il ruolo delle associazioni professionali e della formazione universitaria? La conversazione prende spunto dal recente volume Il design degli architetti italiani. 1920-2000, a cura di Fiorella Bulegato ed Elena Dellapiana, dedicato al cambiamento della figura professionale e della formazione del designer. L'incontro fa parte di un ciclo di iniziative “DESIGN È - XXIII Compasso d'Oro ADI” che accompagnano la mostra del Compasso d'Oro negli spazi dell'ex Ansaldo a Milano. Intervengono Daniele Baroni, Politecnico di Milano; Alberto Bassi, Università IUAV di Venezia;Giampiero Bosoni, Politecnico di Milano; Raimonda Riccini, Università IUAV di Venezia; Fiorella Bulegato, Università degli Studi della Repubblica di San Marino, Elena Dellapiana, Politecnico di Torino. Maggiori informazioni a questo link.
  • 19 May 2014
  • 19 May 2014

    "Il design per i musei"

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    20 Maggio 2014 ore 18.30. Triennale Design Museum L'incontro prende spunto dal volume su Design & cultural heritage (Milano, Electa 2013). L'opera, in tre volumi, - 1. "Immateriale, virtuale, interattivo" a cura di Fulvio Irace; 2. "Archivio animato" a cura di Fulvio Irace e Graziella Leyla Ciagà; 3. "Progetto e memoria del temporaneo" a cura di Eleonora Lupo e Raffaella Trocchianesi - è il frutto di una ricerca nazionale che ha visto coinvolte università e istituzioni e numerosissimi studiosi, archivisti, designer, in una esplorazione della dimensione interattiva della conoscenza, del ruolo delle tecnologie nella gestione e fruizione dei documenti storici e del loro allestimento. Maggiori informazioni a questo link
  • 4 Apr 2014
  • 4 April 2014

    Graphic Design: History and Practice, conference, May 19, 2014

    Graphic Design: History and Practice one-day conference, May 19, 2014 Faculty of Design and Art of the Free University of Bozen-Bolzano Graphic Design: History and Practice is a one-day conference organised at the Faculty of Design and Art of the Free University of Bozen-Bolzano that will focus on the relationship of graphic design history and practice, their convergences and tensions. The conference will gather international graphic design historians as well as designers who have been dealing with design history through writing, publishing, editorial and curatorial activities for a long time. Structured in two main panels, each including speeches and a discussion, the conference will address such issues as: narratives, methods, teaching and education, preservation and curation, gender issues, digital media, national contexts, critical practice, ethics, and audience. Invited speakers are: Richard Hollis (keynote speaker), Gerda Breuer, Esther Cleven, Annick Lantenois, Mario Piazza, Adrian Shauhghnessy. The conference is conceived and organised by Antonino Benincasa, Giorgio Camuffo and Christian Upmeier, all associate professors of visual communication at the Faculty of Design and Art of the Free University of Bozen-Bolzano, Maddalena Dalla Mura, research collaborator at the same Faculty, and Carlo Vinti, researcher at the Università di Camerino. The conference is organised in collaboration with: AIAP – Associazione italiana Progettazione per la comunicazione visiva AIS/Design – Associazione italiana Storici del design GdDG – Gesellschaft für Design Geschichte Conference attendance is free. Registration is required. More information at: http://graphic-design-history-and-practice.unibz.it/
  • 18 Mar 2014
  • 18 March 2014

    “Il design e la sua storia”, atti del I Convegno AIS/Design

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    aisdesign_libro È disponibile in libreria (e online) il volume Il design e la sua storia, Primo Convegno dell'Associazione Italiana degli Storici del design, Lupetti Editori di comunicazione (16 euro) che raduna gli atti del I convegno nazionale dell’AIS/Design svoltosi a Milano l’1 e 2 dicembre 2011. Se non fosse disponibile è possibile ordinarlo alla casa editrice tramite la libreria.
  • 26 Dec 2013
  • 26 December 2013

    Scadenza prorogata - Extended deadline - ICDHS 2014

    The deadline for submissions of contributions for ICDHS 2014 Tradition, Transition, Trajectories: Major or Minor Influences? is extended to 19th January 2014. More info available from the conference website.
  • 19 Nov 2013
  • 19 November 2013

    Albe Steiner, cambiare il mondo attraverso il progetto

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    È da poco uscito il volume Albe Steiner. Cambiare il libro per cambiare il mondo. Dalla Repubblica dell’Ossola alle Edizioni Feltrinelli di Marzio Zanantoni per i tipi di Unicopli. Il libro, risultato di un ponderoso lavoro sui documenti d'archivio durato 6 anni, oltre ad essere una biografia politico-culturale su Albe Steiner (di cui ricorre quest'anno il centenario della nascita), rappresenta anche una “particolare” storia dell’editoria italiana tra il 1945 e il 1965. “Particolare” proprio perché, attraverso la figura e la professione di Steiner, alcuni momenti di quella storia, fatta di riviste, periodici, case editrici, vengono qui analizzati non dal punto di vista dell’Editore, del Direttore o della Redazione, dunque non attraverso il lavoro di chi pensava e produceva i contenuti, ma dal punto di vista di chi progettava e realizzava la comunicazione visiva di quei contenuti, dando loro forme, colori, spazi: una estetica visiva insomma. La figura di Steiner che ne emerge non è unicamente quella nota del progettista grafico, ma di operatore culturale, di intellettuale militante e antifascista che con la sua professione ha portato la modernità dentro la Sinistra italiana, abituata a messaggi visivi e propagandistici più tradizionali. Attraverso una notevole mole di documenti inediti, il lavoro grafico di Steiner viene analizzato attraverso le sue collaborazioni con alcuni dei principali editori italiani: Einaudi, le Edizioni Avanti!, gli Editori Riuniti, Feltrinelli, sino agli ultimi lavori per Zanichelli, prima della improvvisa scomparsa nel 1974. Ma nel libro scorrono anche gli allestimenti per i Festival dell’Unità, i disegni per le tessere del Partito, i bellissimi manifesti, i periodici politici e culturali più importanti degli anni Cinquanta e Sessanta sino ai progetti grafici di due tra le più belle riviste degli anni Settanta: “Utopia” e “L’erba voglio", i cui titoli recuperavano il senso più vero della vita che da “Politecnico” in poi Albe e la moglie Lica rincorrevano. Della pubblicazione –che anticipa di qualche settimana una successiva sulle ricerche visive di Steiner a cura di Luciana Gunetti in uscita sempre per Unicopli con il titolo "La cultura visuale in Albe Steiner. Ricerche (1938-1952)"– se ne parlerà anche in occasione di Bookcity Milano 2013 alla Fabbrica del Vapore (via Procaccini 4), sabato 23 novembre alle 14,00. All'incontro dal titolo Visual design: Steiner e Munari tra gioco e mestiere, oltre l'autore, parteciperanno Giovanni Anceschi, Valentina Garavaglia, Mario Piazza. Steiner-Zanantoni-Unicopli
  • 17 Nov 2013
  • 17 November 2013

    Il design a Bookcity Milano 2013

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Castello Sforzesco Sala Bertarelli Sabato 23 novembre Ore 14.30 L'impatto delle nuove tecnologie, con Denis Santachiara, Giulio Iacchetti, Stefano Maffei, Raimonda Riccini. Modera Vanni Pasca. In collaborazione con AIS/Design – Associazione italiana degli storici del design e ISEC – Istituto per la storia dell'età contemporanea Fabbrica del Vapore Via Procaccini 4 Venerdì 22 novembre Ore 15 ING: Il Branding come creatività e pensiero, con Silvia Barbieri,Chiara Pomati, Gianni Romano Sabato 23 novembre Ore 10:30 Da una sana ribellione una grande opportunità di crescita per la cultura milanese, con Aldo Bonomi, Severino Salvemini, Davide Rampello. Modera Luca Molinari. Ore 14 Steiner e Munari tra gioco e mestiere, con Giovanni Anceschi, Valentina Garavaglia, Mario Piazza, Marzio Zanantoni Ore 16 ADI Design Index: verso il Compasso d'Oro, con Luisa Bocchietto, Frida Doveil, Enrico Fagone, Oscar G. Colli Ore 18 Quale critica del design? Renato De Fusco nei volumi della collana ADI, con Alberto Bassi, Giampiero Bosoni, Enrico Morteo. Modera Vanni Pasca Domenica 24 novembre Ore 13 Cucina il design! Quando il progetto è servito in tavola, con Maria Greco Naccarato, Davide Longoni, Erica Marson e i creatori di Le ricette dei designer Ore 16 Ettore Sottsass: una nuova primavera, con Marco Belpoliti, Andrea Branzi, Giuseppe Varchetta
  • 17 Nov 2013
  • 17 November 2013

    Makers, una nuova rivoluzione industriale?

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Sull'onda di tecnologie sempre più disponibili, sfruttando la diffusione delle comunità online e del software e hardware open source, sta emergendo una nuova classe di creativi che producono autonomamente strumenti, oggetti d'uso e gadget. Per capire se sia un circoscritto fenomeno di artigiani e hobbisti tecnologici oppure l'avanguardia di una nuova rivoluzione industriale, che avrà un impatto significativo sui processi economici e del lavoro, ne discutono – a partire dai libri di Stefano Micelli, Futuro artigiano, Venezia 2012 e Chris Anderson. Makers. Il ritorno dei produttori, Milano 2013 – studiosi ed esponenti di questo fenomeno. Intervengono Ivana Paris (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano) Raimonda Riccini (Università Iuav di Venezia) Zoe Romano (wefab.it) Sarà presente Stefano Micelli Partecipano all'evento Marinella Levi, i ricercatori, i progettisti e le stampanti di +LAB, il nuovo laboratorio di stampa 3D del Politecnico di Milano. Durante l'evento sarà possibile assistere alla stampa di alcuni oggetti e verificare limiti e potenzialità della tecnologia. Venerdì 22 novembre 2013 Ore 17.00 – 19.00 Villa Mylius Largo La Marmora, 17 Sesto San Giovanni (MI) In collaborazione con Fondazione ISEC – Istituto per la Storia dell'Età Contemporanea ADI – Associazione per il Disegno Industriale AIS/Design – Associazione Italiana degli Storici del Design Per informazioni comunicazioni@fondazioneisec.it www.fondazioneisec.it Tel. 02 22476745
  • 11 Nov 2013
  • 11 November 2013

    Design History: A Discipline in the Making

    2nd Conference of AIS/Design Milan, November 28-29, 2013 Politecnico di Milano and Triennale di Milano - Saletta Lab storia-del-design-image The 2nd Conference of the Italian Association of Design Historians (AIS/Design) will be held in Milan on November 28-29, 2013. The conference will focus on the role of history in the education of the designer as well as on the history of design schools. With these themes AIS/Design aims to contribute to call attention on, and to discuss, the broader issue of the gradual loss of relevance that the social sciences are undergoing within contemporary culture, and particularly in the field of education and research. On the first day, the AIS/Design thematic committees, coordinated by Pier Paolo Peruccio and Dario Russo, will discuss these topics on the basis of the mapping work they have carried out of the teaching of design history in Italy and abroad. This meeting will be held at the Politecnico di Milano (via Durando 10, 4th floor, room adjacent to the Dean's office). On November 29, at the Triennale (viale Alemagna 6, Lab room), the conference “Design History: A Discipline in the Making” will gather Italian scholars and theorists – including Giovanni Anceschi, Claudio Giunta, Pierluigi Nicolin – with the aim to discuss the role of history and the humanities in the context of contemporary globalized culture and in the specific field of design education. The conference is free and open to all. Download the program and abstract (only available in Italian). Storia-del-design-Programma.pdf Storia-del-design-Abstract.pdf
  • 6 Nov 2013
  • 6 November 2013

    La linea analitica I musei e gli allestimenti di Costantino Dardi

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    L’allestimento e il confronto con lo spazio espositivo – sia esso un museo, un sito archeologico, un luogo urbano o un paesaggio – nel percorso di Costantino Dardi è il tema indagato dalla mostra “La linea analitica I musei e gli allestimenti di Costantino Dardi” a cura di Luka Skansi. Organizzata in cinque sezioni tematiche, la mostra affronta alcuni fondamentali capitoli della ricerca sul tema delle “installazioni spaziali” di Dardi: i progetti museali, le grandi scenografie urbane, gli allestimenti nei siti archeologici, gli allestimenti nei musei e l’attività presso la Biennale di Venezia (1978-82). inaugurazione 11 novembre, ore 12 apertura 12 novembre > 13 dicembre 2013 Archivio Progetti, Sala espositiva Venezia, Dorsoduro 2196, Cotonificio orario lunedì > venerdì 9.30 > 13.30 giovedì 15 > 17.30 chiuso sabato, festivi e dal 20 al 26 novembreosaka1 ingresso libero
  • 21 Oct 2013
  • 21 October 2013

    A new letter from Jonathan Mekinda

    Jonathan Mekinda from the Department of Art History, University of Illinois at Chicago joined the discussion "On design history".
  • 5 Oct 2013
  • 5 October 2013

    Deadline Extended - AIS/Design. STORIA E RICERCHE - n. 3 (Marzo 2014) Call

    The deadline for submissions of contributions for issue No. 3 of the “AisDesign. Storia e Ricerche” journal is extended to October 25th 2013.
  • 3 Oct 2013
  • 3 October 2013

    D17. Fotografie Da Re dall'archivio della Fondazione Dalmine

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Dal 13 settembre al 24 novembre 2013 al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano sono esposte 140 immagini fra le innumerevoli realizzate tra gli anni Venti e gli anni Ottanta dallo storico studio bergamasco dei fotografi Da Re. Gli scatti mostrano uno spaccato singolare della ricchezza e della forza delle immagini d’industria, tra foto di prodotti, processi, macchinari, persone attività e spazi industriali. La mostra nasce dalla collaborazione fra la Fondazione Dalmine – impegnata dal 1999 nella valorizzazione dell’archivio storico di TenarisDalmine e nella promozione della memoria e della cultura industriale –, la GAMeC (Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo) ai cui direttori Giacinto Di Pietrantonio e M. Cristina Rodeschini si deve la curatela, e il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci. Con l’intento di promuovere e approfondire la cultura industriale, è previsto per il 30 ottobre il workshop Fotografi in Archivio: patrimonio dell’industria e del lavoro, organizzato dalla Fondazione Dalmine, la Fondazione ISEC e il Museo, con il patrocinio di Museimpresa - Associazione italiana dei musei e degli archivi d'impresa e dell’ANAI Lombardia - Associazione nazionale archivistica italiana. www.museoscienza.org www.fondazione.dalmine.it www.gamec.it
  • 30 Sep 2013
  • 30 September 2013

    Patrocinio documentario "Tobia Scarpa. L’anima segreta delle cose"

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    anima-segreta-delle-cose-web AIS/Design patrocina il documentario "Tobia Scarpa. L’anima segreta delle cose", di Teresita Scalco ed Elia Romanelli, prodotto da Studio Liz. Intuizione, ricerca, sperimentazione, (di)segni, poesia: questi gli ingredienti che hanno dato vita agli oggetti di Tobia Scarpa. Questo documentario intende dispiegare il ritratto di un homo faber contemporaneo, allargando lo sguardo della cultura del design. Attraverso la sua prassi progettuale, la sua anima segreta, finalmente svelata, diverrà punto di ispirazione per molti, con il sostegno di tutti. http://producinuovevisioni.studioliz.org/2013/09/04/1000-ciak-per-tobia-scarpa-lanima-segreta-delle-cose/
  • 29 Sep 2013
  • 29 September 2013

    Tradition, Transition, Trajectories: Major or Minor Influences? – ICDHS Conference 2014

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    aveiro

    ICDHS 2014 Tradition, Transition, Trajectories: Major or Minor Influences? 9, 10 e 11 Luglio | Aveiro, Portugal Dal 9 all'11 luglio 2014, l'Università di Aveiro ospiterà la 9° Conferenza dell'ICDHS (International Committee for Design History and Design Studies), dal titolo Tradition, Transition, Trajectories: Major or Minor Influences?. Prima dell'inizio delle conferenze, l'8 luglio, si svolgeranno due sessioni: un workshop intitolato The European Province e una tavola rotonda intitolata The European Province, part II: National approaches and wider issues relating to the global provinces. La call per la proposta di interventi da presentare al convegno è ufficialmente aperta. La deadline per la consegna delle proposte è fissata per l'8 gennaio 2014. Maggiori informazioni a questo link .
  • 14 Jul 2013
  • 14 July 2013

    AIS/Design. STORIA E RICERCHE - No. 3 (March 2014) Call

    CALL FOR ARTICLES Italian design: Museums, exhibitions, collections and archives edited by Fiorella Bulegato and Maddalena Dalla Mura Disponibile in versione italiana Issue No. 3 of the online journal “Ais/Design. Storia e Ricerche,” to be released on March 2014, will be devoted to the history of Italian design as it appears through the lens of museums, exhibits, collections and archives. This issue of the journal is intended as a continuation of the work initiated by the “Museums of design” committee of the Ais/Design (Italian Society of Design Historians) during the first meeting of the Society in December 2011 and the panel held on the occasion of the conference “Università, Musei, Archivi: Il design fa rete” organized at the Università IUAV of Venice in October 2012. Call for contributions Issue No. 3 of the “Ais/Design. Storia e Ricerche” journal is dedicated to the history of Italian design looked through the lens of museums, exhibits, collections and archives. The goal is to compose a varied collection of original contributions that deal with the multiple histories of Italian design – product, visual communication, fashion etc. – as they appear through the history of museums, exhibitions and displays, collections and archives. The focus is on how, over time, museums, exhibitions, collections have helped build, interpret, spread or question Italian design. Contributions (in the forms of essay, research, micro-history) that respond to the following questions will be welcome:
    • How museum, exhibition, display and collecting policies have helped build, circulate and question the identity of Italian design, in Italy and abroad?
    • How the representation of Italian design has been defined by inclusion or exclusion of names, objects, fields of design in the context of museums, exhibitions and collections?
    • What types of museums and exhibitions (applied arts, modern art, science and technology, industrial heritage, fashion, architecture etc.) have presented Italian design, and what different representations of it have emerged out of them?
    • What role have exhibition design and visual communication had in the interpretation and dissemination of Italian design towards the public?
    • To what extent, exhibitions have served or have been used as platforms for questioning and critiquing Italian design and design in Italy?
    • What histories of design emerge from the history of private and public collections, and what do they tell of design culture in Italy?
    • What tensions and contradictions – beyond the canonical and heroic narrative of Italian design and design culture – emerge from the history of museums, exhibitions, collections and archives?
    • How the study of collections and archives in museums and other institutions has helped to generate new reconstructions of Italian design?
    The chronological focus of the issue is the twentieth century; however, contributions that extend the scope beyond this term are also welcome. Trade fairs and merchandise exhibitions for sale are not the focus of this issue of the journal; however essays that discuss display policies of Italian design between culture and industry, museums and market, will also be considered. Reviews of books that are relevant to the theme of the issue and of recent exhibitions that have dealt with Italian design will also be welcome. Types of contributions The proposed contribution must be an original text – not already appeared in other publications, journals or books in any language. The texts will fall under the following categories:
    1. essays (texts with a theoretical, critical, and methodological stance that offer an in deep discussion or re-reading of broad historical arguments and questions) [20,000-30,000 characters / 3,000-4,500 words]
    2. research (writings based on studies conducted on primary sources and offering original historical insight into specific topics or stories) [20,000-30,000 characters / 3000-4500 words]
    3. micro-histories (writings that analyze peculiar and specific stories, that have been neglected so far or that also draws on the border areas of the discipline) [10,000-15,000 characters / 1500-2250 words]
    4. reviews (of exhibitions, books, major events etc.) [5000-10,000 characters / 800-1200 words]
    5. news (events or exhibitions, publication of books, openings, etc.) to be published in the website of the AisDesign.
    Each text will be accompanied by an abstract of up to 100 words (600 characters) in Italian and in English (for a total of 200 words / 1200 characters), a list of max. 5 keywords in Italian and in English, and by a short biographical note of max. of 120 words (800 characters) in Italian and in English (for a total of 240 words / 1600 characters). As concerns images/pictures, authors will provide copyright-free images or images for which they have obtained the right/permission of publication (for “Ais/Design. Storia e Ricerche” online journal), accompanied by full captions (including credits). Detailed information on the types of contributions (essays, research, micro-histories, reviews, news), the preparation of texts and images and the editorial guidelines are available at the following links (in Italian only; English available soon): Guidelines AIS/Design See also: AIS/Design: Call for paper Submission deadline and contacts Full texts must be received by October 14, 2013 October 25, 2013 [extended deadline]. Submit to: ais.design.museums@gmail.com and journal@aisdesign.org All texts will be blind reviewed by peer experts. Authors will be notified of the results by December 28, 2013. Authors of accepted papers will submit the final version of their text by January 27, 2014. To discuss proposals and for more information, please contact Fiorella Bulegato and Maddalena Dalla Mura. Write to: ais.design.museums@gmail.com
  • 23 Jul 2013
  • 23 July 2013

    108 Years in 108 Seconds

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    "To celebrate the launch of WHY, we asked animators Part of a Bigger Plan to answer the big question: Why has Herman Miller thrived for 108 years?” Via http://www.hermanmiller.com/why.html
  • 16 Jul 2013
  • 16 July 2013

    Design History Society Annual Conference – Annual Conference 2013

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Design History Society Annual Conference - Annual Conference 2013 Towards Global Histories of Design: Postcolonial Perspectives 5 - 8 September 2013, National Institute of Design, Ahmedabad, India La Design History Society ha annunciato che l’Annual Conference 2013 si terrà al National Institute of Design, ad Ahmedabad in India. Questa sarà la prima conferenza della Design History Society che si terrà fuori dall’Europa, a dimostrazione dell’importanza crescente che la storia del design sta assumendo come disciplina globalizzata. Il convegno si propone di utilizzare approcci postcoloniali e temi per uno sviluppo strutturato di storie del design di ampiezza mondiale. “Towards Global Histories of Design: Postcolonial Perspectives” è infatti il titolo della conferenza annuale convocata dal Suchitra Balasubrahmanyan della CEPT University e dal Tanishka Kachrudel National Institute of Design, che si terrà al National Institute of Design di Ahmedabad, in Gujarat, India dal 5 all’8 settembre 2013. Per maggiori informazioni: www.dhs-nid2013.in
  • 3 Jun 2013
  • 3 June 2013

    Antonio Macchi Cassia designer

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Giovanni Anceschi, Raimonda Riccini, Enrico Morteo incontrano il designer Antonio Macchi Cassia al Politecnico di Milano. In questa occasione presenteranno il libro edito da Allemandi & C. Dopo decenni di ribalta per designer alla moda, questo libro racconta la carriera di un progettista fuori dagli schemi. Scritto per tutti, il volume è dedicato soprattutto a chi del design conosce l’esistenza, ma ignora la sostanza. macchicassia Il guizzo e la griglia: Antonio Macchi Cassia designer Mercoledì 12 giugno ore 16.30 Scuola del Design, Politecnico di Milano Sala Castiglioni
  • 20 May 2013
  • 20 May 2013

    Giorgio Casali Fotografo, Domus 1951-1983

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    iuav-sistema_bibliotecario comuneDiVerona con la collaborazione di domus mostra a cura di Angelo Maggi e Italo Zannier inaugurazione 24 maggio 2013, ore 14 apertura 27 maggio > 14 giugno 2013 Archivio Progetti, Sala espositiva Venezia, Dorsoduro 2196, Cotonificio orario lunedì > venerdì 9.30 > 13.30, giovedì 15 > 17.30 ingresso libero Convegno 24 maggio 2013, ore 15 Auditorium Venezia, Dorsoduro 2196, Cotonificio introducono Serena Maffioletti, Archivio Progetti Erilde Terenzoni, Soprintendenza archivistica del Veneto Interventi Rosa Maria Camozzo: "L’archivio di Giorgio Casali" Luigi Spinelli: "La storia di Domus dal 1950 al 1980 attraverso le foto di Casali" Alberto Bassi: "All'origine del sistema-design in Italia" Raimonda Riccini: "Editoria del design: la ricerca dell'immagine e l'invenzione degli oggetti" Giulio Barazzetta: "Mangiarotti/Casali. Punti di vista intrecciati " Angelo Maggi: "Declinazioni fotografiche di Giorgio Casali" Francesco Lopergolo: "Casali multimediale" Italo Zannier: "Casali fotografo d’architettura e di design" invito mostra CASALI Giorgio Casali (1913 -1995) è una figura centrale nella storia della fotografia del Novecento. Dal 1951 fino alla metà degli anni Ottanta è il fotografo dei maggiori architetti e designer italiani; la sua prolungata collaborazione con la rivista internazionale Domus fa di lui un testimone privilegiato degli anni nei quali l’Italia viene percorsa da un fremito di rinnovamento destinato a cambiarla radicalmente in alcuni dei suoi aspetti più caratteristici. Questa mostra, allestita con i materiali conservati presso l’Archivio Progetti dell’Università Iuav diVenezia e corredata da un’approfondita lettura critica, si propone di comprendere e delineare per la prima volta la complessità della sua personalità artistica attraverso il racconto dell’architettura e del design italiano, di cui Casali ha lasciato una memorabile documentazione. È presentata una straordinaria scelta di immagini apparse su Domus: accanto alla spinta propulsiva della fotografia di architettura d’autore rivivono gli oggetti e i personaggi che hanno segnato la memoria collettiva di una generazione. Gli scatti fanno ripercorrere circa quarant’anni di storia dell’architettura e del design italiani, la cui fortuna nel mondo deve moltissimo alle fotografie firmate “foto Casali-Domus”. La mostra è parte dell’evento organizzato dall’Università Iuav di Venezia, selezionato e finanziato all'interno della Call for events 2012-2013, con i Musei Civici di Verona e ha avuto il suo primo allestimento dal 15 febbraio al 5 maggio 2013 nella prestigiosa sede del Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri. Una parte di essa, dal 21 maggio all’8 settembre 2013, sarà esposta presso l’Estorick Collection of Italian Modern Art di Londra. Evento inserito nel programma delle iniziative promosse da AAA-Italia per la III Giornata nazionale degli archivi di Architettura, 24 maggio 2013, in collaborazione con la Direzione Generale per gli Archivi e la Direzione Generale per il Paesaggio, le belle arti, l'architettura e l'arte contemporanee.
  • 20 May 2013
  • 20 May 2013

    L'archivio dello Studio De Pas-D'Urbino-Lomazzi presso il CASVA

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    All’interno della collana Quaderni del CASVA, è stato recentemente pubblicato il volume di Maria Teresa Feraboli dedicato all’archivio di industrial design, architettura e allestimento, De Pas-D’Urbino-Lomazzi, donato nel 2009 da Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi al CASVA, Centro di Alti Studi sulle Arti Visive del Comune di Milano. L’autrice, architetto e docente presso Politecnico di Milano, ha curato per conto del CASVA il riordino e la catalogazione dell’archivio, una delle prime sperimentazione in campo archivistico di catalogazione della documentazione digitale prodotta dagli studi di architettura. [caption id="attachment_1789" align="alignnone" width="584"] Poltrona Blow, De Pas-D'Urbino-Lomazzi[/caption] La pubblicazione risulta interessante sia per il ricco repertorio iconografico contenuto, illustrativo dei numerosissimi progetti messi a punto dal gruppo, sia come testimonianza storica del passaggio avvenuto dall’uso di strumenti e modalità progettuali di tipo tradizionale, alle ormai diffuse modalità digitali. [caption id="attachment_1791" align="alignnone" width="584"] Poltrona Joe, De Pas-D'Urbino-Lomazzi[/caption] Maria Teresa Feraboli L'archivio dello Studio De Pas-D'Urbino-Lomazzi presso il CASVA con una presentazione di Fulvio Irace Milano, CASVA, 2012
  • 12 May 2013
  • 12 May 2013

    Victor Margolin: Design globale, conversazione su storia e attualità

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Victor Margolin, professore emerito di Design History all’University of Illinois, Chicago, e autore di una grande storia comparata del design mondiale, partecipa presso la Triennale di Milano a un incontro in cui illustra le sue rifessioni sul design, la sua storia, la sua attualità. Al termine, alcuni giovani studiosi di design italiani, Maddalena Dalla Mura, Chiara Lecce e Pier Paolo Peruccio dialogheranno con Margolin su questioni assai vive nel presente: il design e le tecnologie nella vita quotidiana, il peso delle questioni ambientali sul progetto, il ruolo dei musei per la storia del design, la formazione degli storici del design. La conversazione, introdotta e moderata daVanni Pasca, è promossa dall’Associazione italiana degli storici del design (AIS/Design) in collaborazione con la Triennale di Milano. 15 maggio 2013 18.00 - 20.00 Triennale di Milano, Saletta Lab v.le Alemagna 6, Milano Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti
  • 21 Apr 2013
  • 21 April 2013

    Lettere sulla storia del design

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Sul sito AIS/Design è presente un interessante scambio di lettere sulla storia del design con interventi dei maggiori studiosi internazionali di design: Tevfik Balcioğlu, Anna Calvera, Clive Dilnot, Kjetil Fallan, Carma Gorman, Grace Lees-Maffei, Victor Margolin. La discussione, avviata da Vanni Pasca e aperta ai contributi esterni, approfondisce i temi legati all'insegnamento della Storia del design, del suo ruolo e dei metodi di insegnamento nelle scuole. Leggi subito
  • 20 Apr 2013
  • 20 April 2013

    Luca Meda all'Archivio Progetti Iuav

    This article is available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Ha recentemente inaugurato presso l’Archivio Progetti Iuav la mostra “La felicità del progetto: i disegni di Luca Meda”, rassegna di disegni, schizzi, fotografie, prototipi e modelli di design e di architettura, provenienti dallo studio dell'architetto-designer. Curata da Nicola Braghieri, Serena Maffioletti e Sofia Meda con Rosa Chiesa, la mostra rende per la prima volta visibili circa cento documenti acquisiti, inaugurando così l’ordinamento del fondo archivistico e un nuovo ciclo di studi dedicati a un progettista, protagonista dell’architettura e del design italiano e milanese dagli anni Sessanta. per approfondimenti
  • 25 Mar 2013
  • 25 March 2013

    Alberto Bassi, “Design”

    Alberto Bassi, Design Collana “Farsi un’idea” In libreria dal 14/03/2013 Una lampada, una bicicletta, un computer, ma anche libri, siti web, sistemi e servizi. All’origine delle «cose», fisiche o immateriali, che ogni giorno entrano nelle nostre vite, esiste un processo globale di progettazione nel quale convergono ideazione, produzione, comunicazione, utilizzo, consumo e riuso: è il design. Dopo averne descritto le caratteristiche e il campo d’azione, l’autore ci guida nelle sue diverse declinazioni nel contesto internazionale, ed in quello italiano, dove il design ha trovato un terreno fertile per esprimersi ai massimi livelli trasformando alcuni oggetti in icone del vivere quotidiano. E domani? Quali sfide per il design del terzo millennio? Info e acquisto
  • 25 Mar 2013
  • 25 March 2013

    Inventing Abstraction, 1910–1925

    inventing_abstraction Inventing Abstraction, 1910–1925 Museum Of Modern Art, New York December 23, 2012–April 15, 2013 In 1912, in several European cities, a handful of artists—Vasily Kandinsky, Frantisek Kupka, Francis Picabia, and Robert Delaunay—presented the first abstract pictures to the public. Inventing Abstraction, 1910–1925 celebrates the centennial of this bold new type of artwork, tracing the development of abstraction as it moved through a network of modern artists, from Marsden Hartley and Marcel Duchamp to Piet Mondrian and Kazimir Malevich, sweeping across nations and across media. http://www.moma.org/visit/calendar/exhibitions/1291 http://www.moma.org/interactives/exhibitions/2012/inventingabstraction/?page=home
  • 25 Mar 2013
  • 25 March 2013

    Che storie! Oggetti, miti e memorie dai musei e dagli archivi d'impresa

    ATT00081 Dall’11 aprile al 12 maggio 2013, il Palazzo della Ragione di Milano ospita la mostra “Che storie! Oggetti miti e memorie”, con ingresso gratuito. La mostra, promossa dal Comune di Milano – Cultura, Moda, Design - Palazzo della Ragione e Museimpresa - Associazione Nazionale Musei e Archivi d’Impresa e organizzata in occasione del Salone del Mobile – FuoriSalone, è un percorso nel “made in Italy” attraverso le collezioni delle più importanti aziende del nostro Paese. (Via www.mi-lorenteggio.com)
  • 22 Nov 2012
  • 22 November 2012

    Storia d’impresa e storia del design: prove di dialogo

    Convegno
    Storia d’impresa e storia del design: prove di dialogo
    XI settimana della Cultura d’impresa
    a cura di Giorgio Bigatti (Fondazione Isec) e Domitilla Dardi (Ais/Design)
    Villa Mylius, Sesto San Giovanni

    La giornata di studio mette al centro della riflessione i luoghi dove progetto e produzione si incontrano, tornando ad analizzare la materialità dei processi produttivi. Le relazioni mirano a verificare come le modificazioni strutturali e l’evoluzione della tecnologia e del mercato abbiano influenzato il design e lo sviluppo della professione. E come a loro volta siano state condizionate dall’emergere del design nella definizione del prodotto e più in generale nel processo produttivo.

  • 21 Nov 2012
  • 21 November 2012

    Nel progetto. Con il modellista e il designer

    Conversazione
    Nel progetto. Con il modellista e il designer
    a cura di Ais/Design e Fondazione Vico Magistretti
    Archivio Giovanni Sacchi, Sesto San Giovanni

    Il dibattito avrà come centro il ruolo del modellista nella realizzazione di un progetto. Riprendendo i modelli di chi ha fatto nascere questa nuova figura professionale, Giovanni Sacchi, e ponendoli a confronto con le realizzazioni di design e i progetti architettonici di Magistretti ci si interrogherà su come il ruolo di modellista per il design, che ha contribuito al successo dell'Italian design nel mondo, venga visto e vissuto oggi nell'ambito del design contemporaneo dominato sempre più da strumenti digitali.

  • 23 Oct 2012
  • 23 October 2012

    Storia del design: musei, mostre e archivi

    Giornata di studi
    Storia del design: musei, mostre e archivi
    a cura di Fiorella Bulegato (AIS/Design) e Maddalena Dalla Mura (AIS/Design)
    Palazzo Badoer, Scuola di Dottorato Iuav, Venezia

    La giornata, attraverso l’intervento di storici del design a vario titolo coinvolti sul tema della conservazione, dello studio e della esposizione del design, intende riflettere sul ruolo che istituzioni quali musei, mostre e archivi hanno avuto e possono avere nella definizione della storia e della storiografia del design.

  • 27 Sep 2012
  • 27 September 2012

    Storie di visioni del futuro: scienza e tecnologia nella comunicazione della grande impresa italiana

    Convegno
    Storie di visioni del futuro: scienza e tecnologia nella comunicazione della grande impresa italiana
    Coordinamento Raimonda Riccini (AIS/Design)
    Settimana internazionale della grafica
    Palazzo Giacomelli, Treviso

    All’interno della settimana internazionale della grafica organizzata da Aiap a Treviso, si terrà a Palazzo Giacomelli un approfondimento tematico che affronta il tema del rapporto tra scienza e tecnologia in relazione alla storia imprenditoriale italiana, raccontata attraverso alcune case history significative.

  • 17 Sep 2012
  • 17 September 2012

    Design e corporate image



    È uscito per i tipi di Franco Angeli il volume Design e corporate image. Per una storia dell'identità visiva nazionale, a cura di Daniele Baroni e Pier Paolo Peruccio. La pubblicazione è il risultato del convegno omonimo al Castello del Valentino di Torino il 19 settembre 2011, promosso dal Corso di laurea in Design e comunicazione del Politecnico di Torino e il patrocinio di Ais/Design e Aiap. Centrato sul tema della corporate nazionale, il volume affronta gli aspetti della comunicazione visiva, dall'immagine del prodotto alle varie manifestazioni istituzionali e promozionali sui media e canali della comunicazione. Oltre a Baroni e Peruccio (e ai presidenti di Ais/Design e Aiap Vanni Pasca e Daniela Piscitelli), hanno scritto: Maurizio Vitta, Luisa Clotilde Gentile, Enrico Sturani, Elena Dellapiana, Emilio Renzi, Fiorella Bulegato, Andrea Rauch, Italo Lupi, Ico Migliore, Mara Servetto.
    Presentazione del volume: Design e corporate image
    19 settembre 2011
    Castello del Valentino di Torino
  • 17 Sep 2012
  • 17 September 2012

    AIAP Design Per

    Parte la quarta edizione di Aiap Design Per, la Settimana internazionale della grafica. Quest′anno sarà Treviso ad ospitare l′evento, che si svolgerà dal 26 al 29 settembre 2012. Aiap Design Per si sviluppa dalla constatazione che la grafica è una componente onnipresente ma spesso intangibile della nostra vita e si pone quindi l′obiettivo di renderla esplicita, di darle valore attraverso una settimana ricca di eventi e stimoli per tutti. In questa edizione la Settimana internazionale della grafica si articola sui territori del progetto grafico che ruotano attorno al tema Design e Scienza: dall′Information Design all′Editoria digitale.


    Design e Scienza

    Aiap Design Per 2012 si struttura attorno ad un tema centrale dal carattere evocativo, Design e Scienza, che attraverserà trasversalmente ogni aspetto della manifestazione, nella più ampia accezione dei termini, come filo conduttore di tutto l'evento. Il design contemporaneo punta a promuovere processi di innovazione e sperimentazione, in cui le discipline di design e scienza tendono ad avvicinarsi, intersecarsi e fertilizzarsi l'un l'altra. La manifestazione ospiterà una grande varietà di iniziative che andranno a configurare un programma fitto di tavole rotonde, conferenze, mostre e, come di consueto, tre workshop, rivolti a studenti e professionisti, tenuti da graphic designer di alto livello e fama internazionale, per i quali sono già aperte le iscrizioni.


    Quando

    Aiap Design Per si svolgerà nel corso di quattro giorni dal 26 al 29 settembre 2012. L'evento giunto alla quarta edizione consolida una lunga tradizione itinerante su tutta la penisola: Riccione 2002, Trani 2004, Bolzano 2005, Perugia 2006, Aosta 2007, Torino 2008, Napoli 2009, Bologna 2010, Cagliari 2011...e infine Treviso 2012.


    Dove

    Quest'anno sarà la città di Treviso ad ospitare l'evento.
    I luoghi interessati sono la sede Iuav di Treviso in cui si terranno i tre workshop e saranno ospitate alcune mostre, Palazzo Giacomelli che accoglierà molte mostre e tutte le conferenze, e accanto a questi altri luoghi, tutti situati nel centro storico di Treviso, che apriranno le porte per gli eventi off e gli open studios nell'ambito di Aiap Design Per Off.


    Cosa

    Mostre, tavole rotonde, conversazioni, conferenze, seminari, open studios ed eventi off, oltre a circa 50 tra autorevoli studiosi, designer e professionisti indagheranno con i diversi apporti le tante aree che articolano oggi il design della comunicazione visiva.



    Perché

    Partendo dalla constatazione che il design grafico lo si trova ovunque, dalla segnaletica alla pubblicità, attraversando l’editoria, la televisione, fino ad internet, Aiap Design Per si prefigge lo scopo di offrire una molteplicità di stimoli, dibattiti e riflessioni attraverso considerazioni sul progetto di comunicazione visiva affrontato da diversi punti di vista. Aiap Design Per da un'idea di Beppe Chia, Francesco E. Guida e Daniela Piscitelli, è ideato, diretto e organizzato da Aiap, Associazione italiana design della comunicazione visiva.



    Aiap Design Per
    16/09/2012 - 29/09/2012
    Treviso
    http://www.aiap.it/designper
  • 7 Aug 2012
  • 7 August 2012

    coupDefouet Call for Papers

    The coupDefouet International Congress on Art Nouveau will be held in Barcelona from 26 to 29 June 2013. The Organising Committee hereby invites all experts who are interested in submitting papers to do so before 30 September 2012. The Art Nouveau European Route is organising this Congress to celebrate the ten years' existence of the magazine coupDefouet, the international magazine specialised in the dissemination of Art Nouveau. The Scientific Committee for this Congress is coordinated by GRACMON, the University of Barcelona's Research Group on History of Art and Contemporary Design, while logistical organisation is the responsibility of the Institut del Paisatge Urbà at the Barcelona City Council, which publishes coupDefouet. The thematic strands of the Congress are: 1. Art Nouveau Cities: Between Cosmopolitanism and Local Tradition 2. The Historiography of Art Nouveau (looking back on the past) 3 The Challenges Facing Art Nouveau Heritage (looking towards the future) As well as this, two Seminars complete the Congress: 1. Research and Doctoral Theses in Progress 2. The Market and Collecting of Art Nouveau Objects
    coupDefouet Call for Papers
    Remember: the submission deadline is 30 September 2012!
    To register, submit papers or receive more information, go to
    www.artnouveau.eu
  • 24 Jul 2012
  • 24 July 2012

    Aiap Women in Design Award

    Aiap Women in Design Award (AWDA), alla sua prima edizione è un premio biennale che si rivolge a tutte le designer della comunicazione visiva.

    Sono previste quattro categorie di partecipazione, strutturate in modo da coprire diversi momenti della vita formativa e professionale:

    • professione rivolta alle designer della comunicazione visiva Titolari di studi professionali, libere professioniste, dipendenti di studio, freelance e collettivi.
    • ricerca e formazione rivolta a docenti, ricercatrici, studiose, teoriche Docenti universitarie e di scuole superiori, di istituti pubblici e/o privati, ricercatrici, studiose che hanno incentrato la propria attività di ricerca sui temi della comunicazione visiva.
    • didattica rivolta alle studentesse Studentesse che abbiano completato i propri studi da non più di due anni, studentesse ancora in corso in istituti superiori o universitari pubblici e/o privati, frequentanti scuole specialistiche, dottorati di ricerca, e che abbiano nel proprio curriculum didattico progetti, tesi di laurea e progetti di ricerca relativi al design della comunicazione visiva.
    • carriera un premio «cammeo», attribuito a discrezione della Giuria, che potrà eventualmente selezionare una progettista o autrice tra le candidature pervenute nelle altre categorie del premio. Per questa categoria non è contemplata l'autocandidatura.

    La partecipazione al premio è gratuita e l'iscrizione avviene direttamente sul sito, nella sezione apposita AWDA. PARTECIPA in cui è possibile caricare anche i propri lavori.

    Per ogni categoria è possibile inviare fino ad un massimo di 3 progetti a scelta della propria produzione. Ogni singolo progetto deve essere illustrato in un unico documento pdf, formato A3, per un massimo di 10 schede (il singolo pdf non dovrà pesare più di 5 Mb).

    Termine ultimo per l'iscrizione e l’upload dei materiali: entro le ore 24 di lunedì 2 luglio 2012.

  • 15 Jun 2012
  • 15 June 2012

    Room for death. Art and handicrafts for palliative care

    Sebbene il titolo non sia molto invitante, la mostra è stimolante perché riflette su come  artigiani, designers e artisti possano contribuire a farci conoscere modalità di creazione di ambienti solidali. Lo scopo della mostra, si legge dal sito, è quello di illustrare come l'architettura e il design riflettano su così delicati aspetti sociali e come influenzino e modellino la nostra vita quotidiana.
    Room for death. Art and handicrafts for palliative care
    15/06/2012 - 23/09/2012
    Arkitekturmuseet
    Skeppsholmen SE-111 49
    Stockholm - Svezia
  • 30 May 2012
  • 30 May 2012

    Tappeti Volanti

    La mostra Tappeti Volanti, curata da Philippe-Alain Michaud (che al Beaubourg di Parigi nella sezione delle collezioni delle arti plastiche è direttore della sezione di cinema sperimentale) è interessante in relazione al ruolo che nelle sperimentazioni progettuali e nella critica ha assunto il tema delle superfici per il disegno industriale e della spesso citata dimensione della comunicazione planare (Branzi) propria delle società contemporanee. La mostra è realizzata in collaborazione con il Centre Pompidou, les Abattoirs - Frac Midi-Pyrénées, il Musée des textiles de Lyon, il Musée Jacquemard André, il Musée du quai Branly e Amundi. Il senso con cui la mostra è stata pensata emerge da queste considerazioni: Se per la tradizione moderna, è servito da modello per l'affermazione della planarità in pittura, il tappeto può anche essere considerato quale dispositivo di messa in moto delle superfici che, utilizzando le proprietà dell'espansione, della rotazione o dello scorrimento, produce effetti di fluttuazione, di disorientamento o di squilibrio. Le bordure che sfumano il limite suggeriscono un prolungamento virtuale indefinito del tappeto al di là dei suoi bordi; la complessità d'intrecci e d'arabeschi ove lo sguardo si perde letteralmente; la sovrapposizione di trame e tralicci che associa, in un'unità ottica contraddittoria, la divisione geometrica del campo con la dispersione aleatoria dei motivi; l'alternarsi di forme positive e negative sulla superficie del campo che ne suggeriscono la profondità. Lo spazio visivo del tappeto riposa su un gioco di proprietà plastiche che mettono in gioco la stabilità della superficie, la limitazione del campo o la bidimensionalità del piano. La mostra si propone di raccogliere e confrontare tappeti reali - che attraverso la loro funzione (tappeti di preghiera, tappeti di guerra, tappeti giardino), la loro tessitura (tappeto di seta bouqalemoun dai colori vivaci ma molto armoniosi) o la loro composizione (in grille, in semis, centrati attorno ad un medaglione) producono un effetto d'animazione delle superfici - con alcuni film, realizzati secondo la tecnica dei batik e rivalutati dunque alla luce del loro carattere ornamentale (Harry Smith, Abstractions), composizioni monocrome che evocano i tracciati lineari indefiniti delle coperte navajos (Paul Sharits, Nothing), una pellicola sulla quale dei fili d'erba, delle foglie e le ali dei coleotteri sono direttamente incollati con la stessa tecnica dei tappeti-giardino (Stan Brackhage, Mothlight), inversioni positive/negative che producono un effetto identico a quello dei "motifs rentrants" (Peter Kubelka, Adebar), i complessi intrecci di bordure (Hans Richter, Rythmus 21)... Alcune opere contemporanee, che utilizzano le tecniche di lavorazione formale dei tappeti per dinamizzare il piano o per dissolverlo, saranno ugualmente presenti: motivi a scacchiera e ripetizione modulare (le combinazioni al suolo di Carl Andre), effetti di levitazione o di sospensione (Hans Haacke, Blue Sail), composizioni con medaglioni (Zilvinas Kempinas, Flying Tape), dispersione di elementi su un campo aperto (Taysir Batniji, Hannoun), ecc. Un dipinto fiorentino del XV° secolo dialogherà con opere d'arte contemporanea.

    Tappeti Volanti
    30/05/2012 - 21/10/2012
    Villa Medici
    Viale Trinità dei Monti, 1
    Roma - Italia
  • 22 Feb 2012
  • 22 February 2012

    Design, tra il dire e il fare: l’Archivio Giovanni Sacchi incontra la Fondazione studio museo Vico Magistretti

    Conversazione
    Design, tra il dire e il fare: l’Archivio Giovanni Sacchi incontra la Fondazione studio museo Vico Magistretti
    a cura di Ais/Design e Fondazione Vico Magistretti
    Fondazione Vico Magistretti, Milano Il dibattito affronterà il tema dei restroscena di un rapporto professionale inscindibile: quello tra il modellista e il designer. Attraverso l’esposizione dei modelli creati da Sacchi e dei progetti architettonici e di design realizzati da Magistretti emerge il legame umano e professionale tra queste due personalità di spicco, una risorsa imprescindibile per il successo dell’“Italian design” nel mondo.
  • 2 Feb 2012
  • 2 February 2012

    Lezioni di design

    febbraio-giugno 2012
    Lezioni di design
    a cura di Ais/Design e ISIA Firenze
    Caffè letterario Le Murate, Firenze

    L’appuntamento al Caffè letterario Le Murate di Firenze è il terzo e conclusivo incontro in programma. Le Lezioni di design finora tenutesi presso il Palazzo Ducale Genova e il Macro di Roma, sono cicli di incontri a carattere divulgativo promossi dall’Associazione italiana degli storici del design.

  • 14 Nov 2011
  • 14 November 2011

    Call for papers: ICDHS 2012 - Design Frontiers: territories, concepts, technologies

    8th Conference of the International Committee for Design History and Design Studies

    History marks territories that in some way or another are reflected in design. Since the first ICDHS conference, held in Barcelona in 1999, significant steps were taken to draw attention to the nature of design studies, practice and history in a wider world context. Parallel to that, the configuration of design landscapes has been significantly altered by education, technology and national state policies intended to promote local industries and sites by means of design.

    The 8th ICDHS conference, "Design Frontiers: territories, concepts, technologies", aims to discuss how design history and design studies may push the limits of design knowledge. The frontiers of design may be challenged by the exploration of new territories, by the establishment of new concepts, by the emergence of new technologies, as well as by rediscovering the past and by finding new ways of applying current wisdom.

    8th Conference of the International Committee for Design History and Design Studies
    3-6 September 2012
    São Paulo - Brazil
    University of São Paulo - Mackenzie Presbyterian University

    The call for papers has just been published on ICDHS2012 website www.fau.usp.br/icdhs2012.
  • 19 Sep 2011
  • 19 September 2011

    Unità e identità visiva. La corporate image nazionale

    Il convegno "Unità e identità visiva. La corporate image nazionale", che si svolgerà il 19 settembre 2011 presso il Castello del Valentino di Torino, intende approfondire storicamente il tema dell'identità visiva delle principali istituzioni pubbliche italiane.

    Attraverso il contributo di numerosi e qualificati esperti del settore della comunicazione visiva sarà analizzata l'immagine ufficiale della nazione, quelle delle regioni, delle province e delle città. Tra i temi approfonditi durante il convegno, il ruolo della rivista illustrata italiana, la nascita del marchio aziendale e il lavoro di immagine coordinata realizzato in occasione di grandi eventi internazionali (come i Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006).

    L'evento, curato da Daniele Baroni e Pier Paolo Peruccio, è promosso dal Corso di laurea in Design e Comunicazione Visiva del Politecnico di Torino con il patrocinio dell'AIAP (Associazione Italiana Artisti Pubblicitari) e dell'AIS/Design (Associazione Italiana degli Storici del Design).

    Promotore: Politecnico di Torino, Corso di studi in Design
    Prezzo: Ingresso gratuito
    Luogo: Castello del Valentino Viale Mattioli, 39, Torino (TO), Italia
    Orario d'apertura: 9:30-18:00
  • 12 Sep 2011
  • 12 September 2011

    Call convegno A/I/S/Design

    In occasione del primo convegno A/I/S/Design che si terrà a novembre 2011 (data da definire) si riuniranno quattro commissioni tematiche dedicate a quattro temi:

    • I linguaggi della comunicazione visiva e il design coordinatori Daniela Piscitelli Carlo Vinti ais.design.comunicazione@gmail.com
    • Design e industria coordinatori Giorgio Bigatti giorgio.bigatti@unibocconi.itDomitilla Dardi d.dardi@fastwebnet.it
    • I musei del design coordinatori Fiorella Bulegato Maddalena Dalla Mura ais.design.museums@gmail.com
    • Formazione coordinatori Pier Paolo Peruccio pierpaolo.peruccio@polito.it Dario Russo dars@unipa.it

    Coloro che intendono partecipare ai lavori delle commissioni, potranno inviare entro il 30 ottobre un abstract del loro intervento in relazione a uno dei temi proposti (max 2000 battute). Per inviare i contributi bisogna scrivere ai coordinatori delle singole commissioni (alle email indicate sopra).

    Coloro che avranno inviato un abstract saranno invitati a partecipare alla commissione, per presentare le loro riflessioni e per discutere. Nel caso in cui il proponente non possa partecipare, il suo contributo sarà comunque considerato dai coordinatori ai fini della discussione.

    Il testo finale riassumerà i lavori svolti, nella prospettiva di formulare a conclusione del lavoro una sintesi sulla quale costruire un momento di riflessione più ampio, che potrà diventare la piattaforma per il successivo convegno di A/I/S/Design.

  • 17 Nov 2010
  • 17 November 2010

    Comunicare l’impresa. Editoria d’azienda, progetto grafico e identità

    Una giornata di incontri sul tema dell’editoria aziendale e dell’immagine d’impresa, un’opportunità per riflettere sulla tradizione storica italiana in questo campo e, insieme, per fare il punto sulla corporate identity di fronte ai cambiamenti che ne hanno reso meno stabile e più complessa la costruzione. Al centro della discussione saranno la disciplina del progetto grafico e il suo ruolo, ieri come oggi, nel definire l’identità di imprese e istituzioni.

    L’iniziativa è curata da Carlo Vinti e patrocinata da Aiap e Ais/Design, in allegato l'invito-programma.

    Il convegno fa parte delle iniziative della IX Settimana della Cultura d'Impresa, il pdf completo è disponibile al link http://www.museimpresa.com/attivita/settimanadellaculturadimpresa

    Promotore: Università Iuav di Venezia Facoltà di design e arti | Dottorato in scienze del design
    Prezzo: Ingresso gratuito
    Luogo: Palazzo Badoer San Polo 2468, Venezia (VE), Italia
    Orario d'apertura: 9:15-18:00
  • 13 Jan 2010
  • 13 January 2010

    Storia e storie di design

    In concomitanza con la mostra di Otto Hofmann, curata da Giovanni Battista Martini, è stato organizzato presso il Palazzo Ducale di Genova un ciclo di conferenze sul design a cura della Dott.ssa Maria Fontana della Fondazione cultura - Comune di Genova e del Prof. Carlo Vannicola del Corso di laurea in disegno industriale – Facoltà di Architettura di Genova.

    Il ciclo di conferenze dal titolo "Storia e storie di design", ha ottenuto il patrocinio dall'A/I/S/Design (associazione italiana degli storici del design).

    Alle conferenze partecipano come presentatori/introduttori i l presidente della Fondazione Cultura Dott. Luca Borzani, il Prof. Stefano Musso ( Preside della Facoltà di Architettura), la Prof.ssa M. Benedetta Spadolini (Presidente del Corso di Laurea in Disegno Industriale).

    • Il Bauhaus tra innovazione e contraddizion 13 Gennaio 2010 ore 17,45 Giovanni Pasca Raymondi, Giovanni Battista Martini
    • Gli anni ’50: la nascita del design italiano 20 Gennaio 2010 ore 17,45 Giampiero Bosoni, Mario Bellini Generazioni a confronto
    • 27 Gennaio 2010 ore 17,45 Paolo Rizzatto, Dante Donegani e Giovanni Lauda, Francisco Gomez Paz, moderatore Carlo Vannicola. Discussant: Claudio Germak
    • La comunicazione del design ieri ed oggi Marzo 2010

    È prevista a fine conferenza la proiezione di un video, risultato di una ricerca coordinata da Vincenzo Cristallo della I° Università Federico II di Napoli sull'evoluzione della rivista Domus.

    Ad ogni conferenza saranno invitati come uditori / intervistatori, critici, storici, designer dell’ambito Genovese e Ligure.

    Promotore: Facoltà di Architettura di Genova Corso di Laurea in Disegno Industriale | Magazzini del Design
    Prezzo: Ingresso gratuito
    Luogo: Palazzo Ducale Piazza Matteotti, 9, 16123, Genova (GE), Italia
  • 2 Dec 2009
  • 2 December 2009

    Iuav Progetto Vetro

    Si è svolta a Venezia, nell’Aula Tafuri nella sede Badoer dell’Università Iuav, il giorno 2 dicembre, una giornata di studi intitolata Iuav Progetto Vetro, organizzata dall’Unità di ricerca di Museologia del design e patrocinata da AIS Design (Associazione italiana storici del design).

    Durante l’intensa giornata, ricca di interventi, si sono confrontati i rappresentanti di alcune istituzioni cittadine – Guido Ferro (presidente Sezione Industrie del Vetro Confindustria Venezia), Erilde Terenzoni (Soprintendente archivistica per il Veneto), Silvio Fuso, (direttore Museo del Vetro di Murano), docenti e studiosi universitari, fra gli altri, Mario Lupano, Raimonda Riccini e Alberto Bassi della Facoltà di design e arti dello IUAV, nonché Giovanni Moretti, presidente dell’azienda Carlo Moretti, già partner dell’università nel Concorso Carlo Moretti appena conclusosi, su un tema di grande attualità: come É possibile “salvare” il vetro di Murano? Come renderlo contemporaneo pur senza dimenticarne le tradizioni?

    Dedicata al settore della produzione vetraria in area veneziana, con lo scopo di mappare il contesto entro cui operano istituzioni, imprese e progettisti del settore, la giornata di studi si prefissava di avviare, nella logica di un ripensamento complessivo delle relazioni tra gli attori, azioni capaci di legare l’attualità del lavoro aziendale con la conservazione e valorizzazione del loro patrimonio storico.

    Promotore: Università Iuav di Venezia Facoltà di design e arti | Dottorato in scienze del design
    Prezzo: Ingresso gratuito
    Luogo: Palazzo Badoer San Polo 2468, Venezia (VE), Italia
    Orario d'apertura: 9:00-14:00
  • 7 May 2007
  • 7 May 2007

    Memoria e racconto. Per una museologia del design

    A Venezia i direttori dei più importanti musei di design del mondo

    I direttori dei più importanti musei di design del mondo si incontrano a Venezia per un convegno internazionale organizzato dalla Facoltà di Design e Arti dell’Università Iuav.

    Il 7-8 maggio 2007 al convento delle Terese (Dorsoduro 2206, aula A) si svolge il convegno Memoria e racconto. Per una museologia del design, un’occasione unica per mettere a confronto esperienze e modelli riguardanti la conservazione e valorizzazione del patrimonio del design.

    Su questi temi dibatteranno alcuni dei protagonisti più illustri del panorama mondiale. Deyan Sudjic (Design Museum, London), Gareth Williams (Victoria and Albert Museum, London), Marie-Laure Jousset (Centre national d’art et de culture Georges Pompidou, Paris), Béatrice Salmon (Musée des arts décoratifs, Paris), Paul Warwick Thompson (Cooper Hewitt National Design Museum, Smithsonian Institution, New York), Corinna Rösner (Die Neue Sammlung, München), Richard Adler (Vitra Design Museum, Weil am Rhein), si confronteranno con le più significative istituzioni italiane che operano nel settore come la Triennale di Milano, il Mart di Rovereto, il Museo di Castelvecchio di Verona, la Fondazione Adi Compasso d’Oro di Milano, l’Archivio progetti dell’Università Iuav di Venezia, nonché con le realtà museali promosse dalle imprese, come il Museo Alessi (Crusinallo di Omegna, Verbania) e Kartellmuseo (Noviglio, Milano).

    I temi della museologia e della museografia del design sono divenuti negli anni recenti oggetto di discussione sotto diversi profili. Pare oggi importante e necessario affrontare con pragmatismo alcune questioni ancora aperte che si pongono in materia di salvaguardia, catalogazione e comunicazione dei beni culturali della società contemporanea.

    Scopo del convegno è quello di fare il punto sull’attuale panorama e tentare di avanzare una serie di linee guida destinate a operatori di musei, archivi, fondazioni, università e a tutti coloro i quali abbiano in gestione un patrimonio di design. Questi operatori potranno confrontarsi sia con un dibattito teorico e metodologico relativo alla museologia del design, sostenuto da rilevanti esperienze internazionali, sia con una visione pragmatica delle più aggiornate metodiche riguardanti la conservazione, catalogazione e comunicazione dei materiali.

    Il convegno focalizzerà quindi l’attenzione sugli strumenti di lavoro per quanti affrontano quotidianamente – spesso senza potersi giovare di strumenti di orientamento – le tematiche della “memoria” (collezionare, conservare, ordinare, archiviare) e del “racconto” (predisporre, selezionare, mostrare, narrare, comunicare) degli oggetti di design e dei materiali ad essi relativi.

    Promotore: Università Iuav di Venezia Facoltà di design e arti
    Prezzo: Ingresso gratuito
    Luogo: Convento delle Terese aula A, Dorsoduro 2206, Venezia (VE), Italia
    Informazioni: www2.iuav.it/memoriaeracconto